La Big Band con Tomelleri London Gospel al Blue Note

Franco Fayenz

Al Dal Verme comincia questa sera alle 21 il Festival Internazionale di Musica "Incroci Sonori" ispirato al jazz. L’apertura è affidata alla cantante lusitana Maria Jõao accompagnata da Mario Laginha al pianoforte.
I jazz club riaprono domani. Il Blue Note annuncia un avvenimento atteso e importante, cioè il ritorno a Milano dopo lunga assenza del violinista francese Jean-Luc Ponty, l’erede più quotato di Joe Venuti e Stephane Grappelli, sospeso per parecchio tempo fra il jazz e il rock e ora ritornato al jazz. Si trattiene anche mercoledì. Fino a sabato 11, poi, si esibiscono con lo stesso orario le dieci voci preziose del London Community Gospel Choir. L’unico concerto domenicale delle 21 è affidato alla voce di Ada Montellanico con Enrico Pieranunzi al pianoforte, che traducono in jazz temi noti di Luigi Tenco.
Il Caffè Doria Jazz Club (via Andrea Doria 22, ore 22) ha in programma domani sera il trio del batterista Marco Volpe con Paolo Alderighi pianoforte e Roberto Piccolo contrabbasso; giovedì 9 suona lo Swing Time Quartet con Alberto Ferrario clarinetto, Davide Corini pianoforte, Daniele Tortora contrabbasso e Gianni Cazzola batteria.
La Salumeria della Musica (via Pasinetti 2, angolo via Ripamonti) riserva al jazz quattro serate molto interessanti (da martedì a giovedì alle 21.30, venerdì alle 22.30). Domani suona il quartetto del trombettista e flicornista Marco Tamburini con Stefano Bedetti sassofoni, Marcello Tonolo pianoforte, Cameron Brown contrabbasso e Billy Hart batteria. Mercoledì sì può ascoltare la voce di Sandy Muller in quintetto, giovedì la Big Band di Paolo Tomelleri con Emilio Soana prima tromba e venerdì il trio del trombettista Fabrizio Bosso.