Il biglietto per lo show? Si acquisterà in albergo

Tra non molto i turisti in visita nella capitale potranno prenotare, acquistare e ritirare i biglietti per il teatro e per il cinema direttamente dal loro albergo. Lo stabilisce un protocollo d’intesa tra il comune di Roma, l’Anec, l’Agis e l’Apra firmato ieri in Campidoglio. Un filo diretto tra cultura e turismo che renderà più facile per i turisti la fruizione di film e spettacoli dal vivo, potenziando anche l’aspetto informativo e promozionale dell’offerta culturale romana.
A siglare l’intesa, per la parte che riguarda il Comune di Roma, la vicesindaco Mariapia Garavaglia: «Abbiamo a cuore che Roma goda di uno svago che arricchisca anche culturalmente - ha detto - con la possibilità di andare più facilmente al cinema, ma soprattutto a teatro, un’arte che ha una maggiore esigenza di informazione» «L’albergo è la casa del turista - ha aggiunto la Garavaglia - e chi ci abita ha il diritto di sapere quali film sono in programmazione, qual è il teatro più vicino all’hotel. Il fatto che l’Anec, l’Agis e l’Apra abbiano firmato quest’accordo è motivo di grande soddisfazione per la nostra amministrazione». A rappresentare l’Agis, l’associazione italiana dello spettacolo, c’era la presedente della sezione romana Luciana Della Fornace che ha sottolineato come: «Roma arrivi tardi rispetto a quello che le altre capitali europee già offrono da questo punto di vista. Ma grazie al’Ufficio per la promozione del Turismo del Comune abbiamo gettato le basi per una collaborazione che speriamo coinvolga anche altri attori. Nei teatri di Roma sono in cartellone anche spettacoli in lingua originale, inglese soprattutto, e il protocollo è un modo per avvicinare i turisti a questa forma di spettacolo». Non saranno solo i teatri romani a beneficiare dell’accordo, ma anche i cinema: «L’Anec Lazio - ha detto il presidente Giuseppe Ciotoli - accoglie sempre con piacere tutte le novità soprattutto quando le cose per il cinema non vanno particolarmente bene». Ma l’intero protocollo non sarebbe possibile senza la collaborazione degli alberghi Romani, 370 dei quali sono raggruppati nell’Apra. L’Ufficio per il turismo fornirà agli alberghi tutto il materiale necessario, toccherà poi a Anec e Agis Lazio comunicare gli eventi in programma a Roma grazie ad un call center che sarà il tramite tra gli alberghi, cinema e teatri.