«Un biglietto da visita troppo spesso dimenticato»

Montenapoleone è per Finazzer Flory un mondo composito e profondo, perché simbolo di una nuova volontà di vedere la città e la sua complessità. Chi progetta lo spazio deve tenere presente questa prospettiva. Proprio a un architetto, Gianni Ravelli chiediamo di ricostruire le coordinate di questo legame.
Quali prospettive si possono aprire nel dialogo fra tradizione e innovazione?
«Il dialogo tra passato e futuro è da sempre una caratteristica delle città, nelle quali innovazione e tradizione vivono l’una accanto all’altra. E questo vale soprattutto per Milano che, pur con tutti i suoi difetti, è comunque la città italiana più moderna e più aperta all’Europa: la più attratta dall'innovazione, anche se ultimamente l’innovazione fatica a farsi strada. Montenapoleone è un esempio di questo dialogo: una strada in cui la grazia e l'equilibrio architettonico del passato sono diventati una specie di grande palcoscenico in cui si rappresenta una delle espressioni della bellezza dell'oggi, vale a dire la moda. Proprio per questo, non parlerei mai di strada del “lusso”. Perché la parola “lusso” può avere una connotazione fortemente negativa; può significare “pacchianeria”, “ostentazione volgare”: esattamente quello che Montenapoleone non è. Al contrario, potremmo dire che la fantasia e il gusto legati a prodotti di qualità hanno trovato “casa” in una delle vie più eleganti di Milano e più omogenee architettonicamente. Insomma, si è realizzata una continuità fra passato e presente».
Montenapoleone e Milano, è una storia difficile da sempre.
«Via Montenapoleone rappresenta una delle poche vere “eccellenze” di Milano. Per questo andrebbe protetta e salvaguardata. Purtroppo, così non è. Nonostante le continue promesse, il Comune non riesce a fare ordine in questa strada, che è (o dovrebbe essere) un biglietto da visita per la città. Sono ormai anni che Claudia Buccellati, presidente dell'Associazione di via, porta avanti una giusta battaglia per il miglioramento e la valorizzazione di Montenapoleone. Dal parcheggio selvaggio al carico-scarico a tutte le ore del giorno, dall’invasione dei motorini all’indecoroso arredo urbano, dal disordine estetico all’illuminazione che è sotto gli standard europei per la sicurezza: sono molti i settori in cui l'amministrazione comunale sembra essersi dimenticata della via più prestigiosa di Milano. Anche in questo caso, vale un’“equazione” molto semplice: più luce, più attenzione al traffico, più ordine nell'arredo urbano significano più bellezza, più eleganza, più sicurezza. Milano sembra averlo dimenticato».