Bike-sharing per vivere il centro

Contro smog e traffico, anche a Roma arriva la bicicletta pubblica. Il nuovo servizio di Bike Sharing è stato inaugurato ieri mattina, a piazza di Spagna, dal sindaco Gianni Alemanno e dagli assessori all’Ambiente e alla Mobilità capitolini, Fabio De Lillo e Sergio Marchi. Per ora si tratta di un progetto pilota, messo a punto dalla società spagnola Cemusa, che sarà sperimentato nella capitale per 6 mesi, a costo zero per l’amministrazione.
Il servizio prevede 19 postazioni sparse sul territorio del I municipio, e una flotta di 200 biciclette a disposizione di turisti e cittadini. Il noleggio, attivo dalle 7 alle 23, è gratuito per la prima mezz’ora e per accedervi basterà ritirare un’apposita tessera magnetica nei punti di informazione turistica, pagando una cauzione di 30 euro. Dopo la prima mezz’ora scattano gli oneri di noleggio: la seconda mezz’ora costerà un euro, la terza due, e poi 4 euro per ogni mezz’ora successiva, fino ad un massimo di 4 ore. Basato sul principio della «bicicletta condivisa», il progetto è stato sperimentato con successo a Parigi, Barcellona e Berlino, e rappresenta un modo semplice e immediato per decongestionare la viabilità urbana. È possibile, infatti, ritirare una bicicletta in una postazione, e lasciarla in un’altra, senza l’obbligo di tornare al punto di partenza. Il servizio presentato da Cemusa appartiene al circuito nazionale Bicincittà, già presente in oltre 20 comuni italiani, tra i quali Brescia, Bari e Cuneo. Il sistema prevede biciclette di facile utilizzo e manutenzione, garantendo al tempo stesso un sicuro parcheggio grazie a colonnine saldamente ancorate al terreno. Una stele informativa, collocata in ogni cicloposteggio, riporta la mappa della zona con l’indicazione di tutte le stazioni installate, le regole di utilizzo, le informazioni utili per l’utente del servizio e i numeri di riferimento.
«Si tratta di un’iniziativa importante per la città - ha spiegato De Lillo -. Noi cercheremo di ampliarla anche in altri municipi e periferie, per incentivare l’uso delle biciclette al posto delle auto. Anche l’ente Eur sta per varare un’iniziativa analoga». Grande apprezzamento è stato espresso dal sindaco Alemanno, che ha definito l’iniziativa «una valida alternativa al trasporto pubblico e un passo in avanti sul fronte della mobilità sostenibile». «La sfida di costruire una mobilità sostenibile come risposta ai problemi dell’inquinamento ambientale si risolve creando opportunità, più che punizioni ai cittadini», ha poi aggiunto.