Bikemi raddoppia, 100 nuove stazioni

Via alla fase due di Bike-Mi che si allarga alla circonvallazione 90-91. Polemiche sulle piste ciclabili. Il sindaco: "In arrivo altri 30
chilometri"

Le più gettonate sono le stazioni di Cadorna, Duomo e San Babila. L’orario preferito: dalle 8 alle 9 e dalle 18 alle 19, in corrispondenza con l’ingresso e l’uscita dall’ufficio. Segno che il bike sharing sta diventando (tempo permettendo) un mezzo alternativo per i pendolari che arrivano in treno e in metrò e invece di salire sul tram inforcano la due ruote e pedalano fino lavoro. Dal 3 dicembre di due anni fa quando il Comune e Atm hanno lanciato il servizio sono state prelevate un milione e mezzo di biciclette in affitto. Da ieri - con la stazione numero «105» in corso Lodi - è scattata la fase 2 che aumenterà da cento a duecento entro il 2011 le colonnine di prelievo e le prime cinquanta, garantisce il sindaco, arriveranno prima della fine di marzo. Le bici in circolazione passeranno da 1.400 a 3.650, quindi saranno 2.250 in più. Dopo il centro la mappa del bike sharing si allarga quindi fino alla Cerchia della 90/91, da via Procaccini e viale Abruzzi a piazzale Libia.
Letizia Moratti, al taglio del nastro in corso Lodi con l’assessore all’Arredo urbano Maurizio Cadeo e il presidente di Atm Elio Catania, ha ricordato che Milano oggi è la prima città in Italia per il bike sharing (a Torino sono in servizio 22 stazioni e 200 bici, a Roma 19 colonnine per 200 biciclette), e addirittura la quinta in Europa, superata solo da Parigi (con un esercito di bici a disposizione, ben 20.600), Barcellona e Londra (con 6mila a testa) e Lione (4mila). É «un mezzo molto amato dai milanesi» ammette il sindaco, che conferma l’obiettivo di arrivare a una fase 3, con altre 100 stazioni oltre la circonvallazione e un totale di 5mila bici a disposizione. Un passo alla volta. I tecnici del resto non nascondono che dall’idea alla realizzazione di una colonnina possono passare anche tre mesi, è «un delirio burocratico». Nel sottosuolo ci sono ben 33 sottoservizi - dal gas, all’acqua agli operatori telefonici - e per ogni stazione vanno acquisite obbligatoriamente 79 planimetrie. Senza contare i vincoli paesaggistici, in aree come i Navigli può arrivare facilmente lo stop a scavare. O la richiesta di un surplus di documentazione, che fa perdere altri mesi. Il Comune aveva già stanziato 5 milioni di euro per la prima parte del piano, una parte dei fondi avanzati (circa 1,5 milioni) verrà usata per la fase 2 e nel bilancio 2011 saranno inseriti presumibilmente altri 5 milioni. I costi verranno ricoperti con la pubblicità gestita da ClearChannel in corrispondenza delle stazioni.
Ci sono le bici, ma sono continue le polemiche sulla mancanza delle piste ciclabili, sollevate nei giorni scorsi anche dal candidato sindaco del Pd Stefano Boeri in corso Buenos Aires. «Abbiamo realizzato in questi anni 23 chilometri di piste in più - è la replica della Moratti -. Partivamo da una base bassa, quindi certamente abbiamo ancora da fare, ma abbiamo previsto 30 nuovi chilometri entro il prossimo biennio».