«Bilanci in regola Mai danneggiati i nostri azionisti»

da Milano

Il gruppo del Biscione respinge con fermezza tutte le accuse mosse dal gup di Milano Fabio Paparella che ieri ha deciso il rinvio a giudizio per l'ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e per il presidente Mediaset Fedele Confalonieri nell'ambito dell'inchiesta sulla compravendita di diritti cinematografici e televisivi da parte di Mediaset.
Ecco il comunicato.
«Mediaset ripete ancora una volta che i reati oggetto del provvedimento di rinvio a giudizio non sussistono. I bilanci della società sono sempre stati redatti nella più rigorosa osservanza dei criteri di trasparenza e delle norme di legge. Mai nessun danno è stato recato agli azionisti che - come è noto - in questi anni hanno visto remunerati in modo brillante i propri investimenti. Mediaset ha distribuito, dalla quotazione ad oggi, 2,7 miliardi di euro in dividendi ed il titolo ha triplicato il suo valore.
«La fase processuale che sta per aprirsi non potrà che portare all'accertamento di una verità già ben radicata nella comunità finanziaria internazionale: Mediaset è un'azienda di successo e i comportamenti dei suoi amministratori sono da sempre ispirati alla massima correttezza».