Bilancio, via libera del Comune: più fondi per sicurezza e mobilità

Dopo 14 ore di dibattito il consiglio ha approvato il documento da 69 milioni di euro: previsti riduzione dell’Ici e potenziamento delle infrastrutture

Il via libera è arrivato alle 5 e 17 in punto, dopo una maratona di quattordici ore di dibattito. Al momento del voto per il bilancio 2008 del Comune ieri all’alba erano presenti tutti i 31 consiglieri della maggioranza - quasi un miracolo, visto il percorso travagliato della manovra in aula -, che hanno approvato compatti sia il documento che l’immediata eseguibilità. Contrari 16 consiglieri dell’opposizione mentre Raffaele Grassi dell’Italia dei Valori si è astenuto. «È stato approvato in tempi molto rapidi, e questo è il segno dell’efficienza e della responsabilità sia della maggioranza che dell’opposizione. È una manovra da 69 milioni di euro e contiene la riduzione dell’Ici dal 4,7 al 4,4 per cento. Siamo riusciti a fare ulteriori risparmi e i fondi per cultura, sicurezza e servizi sociali sono passati da 57 a 60,8 milioni, il fondo per i dipendenti da 12 a 13,4 milioni. Quindi, meno tasse e più servizi». Dalle polemiche sul taglio delle auto blu a giunta e dirigenti allo «strappo» dell’assessore alla Cultura Vittorio Sgarbi - che dopo essere stato allontanato dal sindaco giovedì pomeriggio, ieri notte intorno alle 2 è tornato «fomentando» una decina di autisti che dopo l’azzeramento delle auto blu non potranno più contare sugli straordinari -, la Cdl in aula ha dato spettacolo. Ma la Moratti guardando all’inizio di un nuovo anno assicura, «non sono preoccupata per il 2008, il bilancio è stato approvato in tempi molto rapidi, al momento della votazione c’era tutta la nostra maggioranza in aula. E abbiamo attivato un percorso virtuoso, molti emendamenti anche dell’opposizione sono stati approvati all’unanimità, in maniera bipartisan». Anche i diverbi con Sgarbi «si chiariscono sempre, poi ovviamente si riformano. Ma è arrivato in giunta addirittura prima di me», un miracolo anche questo, dato che ha la nomea dell’assessore più ritardatario.
È stata la seduta «più lunga da inizio mandato», ha sottolineato il presidente del consiglio comunale Manfredi Palmeri. Il voto contrario della minoranza, ha commentato il capogruppo dell’Udc Pasquale Salvatore «è stato strumentale. Il dialogo in aula è stato produttivo e nell’interesse della città, con il riconoscimento anche da parte della maggioranza del ruolo politico dell’opposizione». Dopo le polemiche di Sgarbi ha trovato il via libera - e bipartisan - del consiglio l’emendamento che destina 900mila euro ai teatri milanesi. Ma due milioni di risorse straordinarie andranno anche alla Fondazione Pier Lombardo per i lavori del teatro e quasi 300mila euro (che però rimangono fermi fino a che non si sbloccherà l’assetto della fondazione) sono destinati all’Orchestra Verdi. All’assessorato alla Salute vanno oltre 380mila euro a favore delle famiglie con disabili. Dimezzate invece le spese per il noleggio dei cavalli utilizzati dal nucleo della polizia municipale: «Non significa che intendiamo smobilitare questo servizio - precisa il vicesindaco Riccardo De Corato - ma prosegue l’attenzione di questa amministrazione al risparmio e alla razionalizzazione delle spese». La giunta ieri ha anche recepito 150 milioni di euro (che rientrano nei finanziamenti stanziati dal ministero delle Infrastrutture) per il potenziamento delle infrastrutture per la mobilità e il trasporto pubblico: dal prolungamento della linea 1 del metrò Sesto-Monza Bettola (72 milioni) al prolungamento della linea 5 (15 milioni) a 5 milioni per l’avvio del bike sharing che, assicura l’assessore alla Mobilità Edoardo Croci, «partirà entro i primi sei mesi del 2008», all’acquisto di 90 minibus ecologici. «Importanti misure che favoriscono il trasporto anche verso l’hinterland». Approvato infine l’affidamento della manutenzione degli impianti termici di 1500 edifici comunali a A2A.