«È un bilancio modesto»

Parlano di un «bilancio modestissimo» gli esponenti dell’Ulivo a Palazzo Marino. «La Moratti - dicono il capogruppo Marilena Adamo e il consigliere Andrea Fanzago - si è limitata ad avanzare critiche al Governo, riconoscendo nel contempo alcuni insuccessi come lo stato della pulizia in città, la gestione delle case popolari e la mancata regolamentazione dei campi nomadi». Ma le loro critiche non si sono esaurite così, hanno anche accusato il sindaco di essere stata vaga e generica sul ticket d’ingresso e sulla fusione Aem e Asm. «Più che un bilancio ci è sembrato un programma elettorale».