Bilancio Il sindaco lo presenta ai presidenti dei municipi romani

È stata presentata ieri in Campidoglio ai presidenti dei municipi la proposta di bilancio del Comune di Roma, che contiene la previsione di 1,6 miliardi di euro nel piano investimenti e circa 3 miliardi di euro di spesa corrente. Ad annunciarlo sono stati il presidente del XIII municipio Giacomo Vizzani e il presidente del V municipio, Ivano Caradonna, al termine della riunione con il sindaco Gianni Alemanno. «La novità assoluta - ha detto Vizzani - consiste nel fatto che dopo l’approvazione del bilancio in Giunta, il 28 gennaio, i municipi potranno presentare, entro 20 giorni, degli emendamenti con motivazione».
Alla spesa corrente di 3 miliardi, di cui 430 milioni destinati alla spesa sociale, «vanno aggiunti 680 milioni che vengono dall’assestamento del 2008». «Quest’anno, per la prima volta - si lamenta il presidente dell’XI Andrea Catarci - i municipi non fanno la previsione di bilancio come avveniva negli anni passati. La distribuzione delle risorse e la programmazione economica la decide l’amministrazione comunale, ce la presenta e noi possiamo dare solamente un mero parere consultivo. In questo modo si azzera la possibilità per i municipi di fare programmazione». Soddisfatto invece il presidente del IV municipio, Cristiano Bonelli: «Si è finalmente avverato quello che in passato era solo uno slogan: tra amministrazione centrale e municipi oggi c’è un vero rapporto, fatto di confronto e di condivisione nelle scelte».