Bilancio, sinistra già scettica sulle ricette del Comune

Tempismo da record per il Municipio Centro Ovest che, a meno di ventiquattro ore dalla discussione con Doria e l'assessore Miceli, ieri pomeriggio ha dato il suo parere sul bilancio di Palazzo Tursi. Il voto del parlamentino di Sampierdarena e San Teodoro è stato favorevole (13 contro 7 contrari) ma con alcune riserve. La prima è stata enunciata dal presidente Marenco: «Questo bilancio non ci piace al 100% ma diamo atto al nuovo sindaco e alla nuova Giunta di avere tempi ristretti e di essere in carica da sole due settimane - ha spiegato -. Oggi diamo un'apertura sulla fiducia, ma la nostra fiducia non è illimitata, ad ottobre avremo un banco di prova importante con il piano degli investimenti». «Riconosciamo la difficoltà di questa giunta a lavorare in tempi ristretti - ha concluso Marenco - mentre puntiamo il dito sull'amministrazione precedente che anziché mandarci un regolamento nuovo ogni settimana avrebbe dovuto approvare il bilancio a gennaio».
L'altra stoccata all'approvazione del bilancio è stata data dal consigliere Maranini (Idv) che, smarcandosi dalla maggioranza, ha votato contro. «Serve un segnale per sottolineare che la via più semplice e veloce non è sempre la migliore - ha notato riguardo alla manovra della giunta Doria -. Non si possono chiedere ulteriori esborsi ai cittadini quando prima non si cerca di ottimizzare e razionalizzare le spese inutili. Non mi sento di approvare un bilancio che avrebbe potuto dare un segnale d'incontro tra la civica amministrazione e il cittadino, partecipando entrambe all'ammanco dovuto ai tagli degli ultimi governi». Parallelamente al parere sul bilancio il consiglio ha votato anche un documento della maggioranza (14 favorevoli, 5 astenuti e Rossi della Lega contrario) sul Municipio dove viene richiesto al Comune un rilancio del territorio soprattutto per servizi, degrado sociale e edifici scolastici.