Bilancio Usa, Bush chiede 235 miliardi di dollari in più per la lotta al terrorismo

Washington - Il presidente degli Stati Uniti, George W. Bush, ha presentato al Congresso un bilancio record da 2.900 miliardi di dollari per l'esercizio 2008. Nella bozza di bilancio Bush chiede oltre 700 miliardi di dollari di nuove spese per la difesa, gran parte delle quali per la guerra in Iraq. Il piano di Bush, che stavolta dovrà essere approvato da un Congresso a maggioranza democratica, include la richiesta di rendere permanenti i tagli fiscali già approvati per il 2001 e per il 2003 e, allo stesso tempo, s'impegna a riportare il bilancio Usa in avanzo nel 2012. Il programma di Bush prevede di contenere l'incremento delle spese interne all'1%, con un'inflazione in aumento del 2,5%, attraverso tagli nei programmi destinati al mercato del lavoro, all'educazione e alla salvaguardia dell'ambiente. Tutto ciò mentre le spese per i 4 anni di guerra in Iraq e in Afghanistan salgono a 661,9 miliardi di dollari.