Bill Gates e il Rotary: 630 milioni di dollari contro la poliomelite

All'iniziativa partecipano anche i governi di Germania e Gran Bretagna. Obiettivo: eliminare la malattia che paralizza i bambini

Ben 630 milioni di dollari per una nobile missione: eradicare la poliomelite. E' da sempre una delle battaglie del Rotary International, questa volta con il contributo della Fondazione di Bill e Melinda Gates, nonchè dei dei governi di Germania e Gran Bretagna. La cifra è imponente e verrà utilizzata nei prossimi cinque anni per ampliare le campagna di vaccinazione che negli ultimi dieci anni hanno permesso di ridurre del 99% la diffusione di questa malattia, da 350mila casi nel 1998 a 1600 oggi. Ma il virus rimane endemico in Afghanistan, India, Nigeria, Pakistan e minaccia di colpire altri Paesi, anche sviluppati. Da qui la necessità di un ultimo sforzo. «Siamo nella fase finale della partita e sono fiducioso: riusciremo a vincere», ha dichiarato Bill Gates a San Diego durante una video conferenza stampa organizzata nel corso dell'assemblea annuale del Rotary. «Tuttavia l'eliminazione totale del virus responsabile della poliomielite è, e resterà, difficile per un certo numero di anni», ha rilevato Bill Gates. «Invito tutti i donaori a raddoppiare gli sforzi per arrivare allo sradicamento totale della polio», la malattia che paralizza i bambini. La Fondazione Gates ha stanziato 255 milioni al Rotary e il Rotary si impegna a raccogliere 100 milioni nei prossimi tre anni attraverso i propri soci. La Gran Bretagna verserà altri 150 milioni di dollari (100 milioni di sterline) e la Germania 130 milioni di dollari (100 milioni di Euro). Il presidente degli Amministratori della Fondazione Rotary Jonathan Majiyagbe ha dichiarato che il partenariato per la raccolta fondi ispirerà altri alleati per l'eradicazione della polio ad aumentare il proprio supporto, sia gli alleati presenti che quelli futuri., La Dottoressa Margaret Chan, Direttore Generale dell'OMS ha dichiarato che «Insieme all'impegno a tutti i livelli degli ultimi quattro paesi endemici, gli impegni dei nuovi fondi sono esattamente quello che serve per aiutare i governi di questi paesi a superare le ultime barriere per raggiungere ogni bambino con il vaccino contro la polio». «Il successo dell'eradicazione della polio è importantissimo, non solo per assicurare che nessun bambino al mondo debba essere più paralizzato da questa malattia, ma anche per dimostrare che oggi, nel XXI secolo, possiamo intervenire a livello sanitario per salvare la vita di ogni bambino, a prescindere da dove viva, anche in ambienti pericolosi» ha continuato la Dottoressa Chan, che nel 2008 ha fatto dell'eradicazione della poio la priorità principale dell'OMS.
MF