Bimba di 8 anni "tratta" con i banditi: "Vi do i miei giocattoli"

Quattro rapinatori armati e mascherati hanno preso d'assalto una villa a Parabiago, vicino Milano. La piccola ha affrontato i malviventi per difendere i genitori e poi ha liberato padre e madre che erano stati legati. "Mia figlia è stata coraggiosa, ci ha salvati"

Milano - "Se non ci dai i contanti prendiamo la bambina e le facciamo del male". Nessuna compassione per la piccola, di 8 anni, usata come strumento di minaccia verso il padre da quattro banditi pare con accento slavo, che hanno dato l'assalto a una villa nel Milanese. E' stata una mezz'ora di autentico terrore per un odontotecnico ex pilota di auto Gran Turismo, Roberto Zecca di 47 anni (nella foto), per sua moglie e soprattutto per la figlioletta di otto anni.

Genitori e bambina aggrediti nella loro bella villa con piscina, da poco ristrutturata, a Parabiago, nord-ovest di Milano. Il padre è stato anche percosso al volto. Il bottino: un orologio di marca e gioielli per un valore compreso tra i 50 e i 60 mila euro. Il colpo è stato messo a segno ieri a tarda sera, verso le 23.30. Roberto Zecca era uscito di casa per gettare la spazzatura quando è stato avvicinato da quattro uomini armati. Avevano i volti coperti da sottocaschi da moto.

I malviventi, puntandogli la pistola alla tempia, hanno costretto l'uomo a entrare nel garage. Gli hanno chiesto dove si trovassero i soldi, e per fargli capire che non scherzavano gli hanno sferrato un pugno in volto. Lungo la scala interna, Zecca li ha allora portati in una stanza al piano rialzato, dove i banditi si sono fatti aprire una cassaforte in cui c'era un orologio di marca. Nel frattempo due dei quattro rapinatori erano saliti al piano superiore, dove la moglie di Zecca e la figlioletta stavano già dormendo. Bimba e mamma sono state bruscamente fatte alzare dai letti e condotte al piano inferiore, dove c'erano i due complici col capofamiglia. Lì i rapinatori, sempre con le armi in mano, hanno intimato all'uomo di aprire una seconda cassaforte, dove hanno trovato alcuni gioielli. Non soddisfatti, hanno cominciato a chiedere insistentemente dove si trovasse la terza cassaforte, perché volevano i soldi. "Dacci denaro contante, altrimenti prendiamo la bambina e le facciamo del male". Zecca ha supplicato i banditi di non insistere, di non fare del male alla figlia, perché non c'era nessuna terza cassaforte e nemmeno soldi contanti in casa. L'uomo alla fine è riuscito a convincere i rapinatori e a farli desistere. I quattro però, prima di fuggire, hanno preso le lenzuola dal letto della camera matrimoniale e le hanno tagliate a strisce, per usarle come funi con cui hanno legato mani e piedi alla madre e al padre. I tre sono stati rinchiusi in una stanza. Una decina di minuti dopo la fuga dei banditi, la piccola ha liberati i genitori e hanno dato l'allarme.
La bambina: "Vi do i giocattoli..." Ha addirittura intavolato una trattativa con i rapinatori, offrendo i propri giocattoli, la figlio di 8 anni di Roberto Zecca. La piccola Anna (nome di fantasia), è diventata protagonista del fatto, prendendo le difese della mamma e del papà, di fronte ai quattro rapinatori mascherati che avevano malmenato l'uomo e lo tenevano faccia a terra. Erano convinti che in casa ci fosse una terza cassaforte piena di contante. "Adesso vi dico io - ha detto tra l'altro la bambina -, basta che voi lasciate vivi me, il mio papà e la mia mamma". "Non abbiamo un'altra cassaforte, ma vi posso dare i miei giocattoli", ha proposto la bambina. Di lì a poco al cellulare di uno dei banditi è arrivata una telefonata, verosimilmente di un 'palo' che aveva visto una ronda della polizia, e i quattro sono fuggiti. La stessa Anna ha poi slegato i genitori.
"Mia figlia ci ha salvati" "Mia figlia è una grande, ci ha salvato la pelle": parla con commozione Roberto Zecca. "Quando, dopo avercene fatte aprire due, ci hanno chiesto di un'altra cassaforte che ritenevano piena di soldi e diamanti - racconta Zecca -, mia figlia è intervenuta: 'No, adesso vi dico io, basta che voi lasciate vivi me, il mio papa' e la mia mammà". "E siccome i quattro non mi lasciavano parlare, Giulia si è rivolta alla mamma chiedendole se avevamo la terza cassaforte". La madre ha negato e quindi la piccola, rivolgendosi ai rapitori, che pare avessero accento slavo, ha fatto una proposta: "Noi non abbiamo un'altra cassaforte, ma se volete vi posso dare i miei giocattoli". A quel punto, racconta il padre, uno dei quattro banditi ha domandato alla figlia: "Ma sono vecchi o nuovi?". E lei: "Sono vecchi, perché ci ho giocato". Il rapinatore: "Allora non so che farmene".. Racconta ancora Zecca: "Prima che intervenisse mia figlia, però, le cose si stavano mettendo veramente male. Mia figlia ora sta bene ed è in giardino a giocare con un amichetto. Vedremo come passerà questa notte. Certo ha provato una gran brutta esperienza. Anche se non è la prima volta che vengono i ladri, questa volta ha visto i rapitori. E' una bimba di grande temperamento che sicuramente non si perde d'animo...ma ha solo otto anni".