Bimba morta a Formia: la madre tenta il suicidio

Ha tentato il suicidio Naomi Elizabeth Costa, la ragazza di 22 anni accusata di aver causato, a Formia, la morte della figlia Brooke di appena un anno mentre le faceva il bagnetto. La donna, che si trovava agli arresti domiciliari presso la base Usa di Capodichino, è ora ricoverata presso una clinica psichiatrica. La Costa era stata arrestata con l'accusa di omicidio colposo e abbandono di minore. La Costa è stata praticamente abbandonata dalla famiglia. Il marito, Miguel Salinas, militare presso la base di Gaeta, è tornato negli Usa con il primogenito Michael e anche la mamma di Naomi Elizabeth si sarebbe allontanata. La donna, vittima di continue crisi, è disperata, chiede di Michael e soprattutto di Brooke. La salma della bambina è ancora all'obitorio di Formia.