Bimba rapita e segregata per 8 anni

«Sono Natascha Kampusch» ha detto a un passante. Vagava in un parco, era in stato confusionale, ma in buone condizioni. La ragazzina austriaca venne rapita otto anni fa, otto anni che ha trascorso rinchiusa in un garage. Racconta di aver potuto talvolta leggere i giornali o ascoltare la radio. Di tanto in tanto avrebbe fatto qualche passeggiata nei dintorni assieme al suo sequestratore, un tecnico elettronico di 44 anni, che si è tolto la vita gettandosi sotto un treno a Vienna.