Bimbo decapitato dal treno

Un bimbo milanese in vacanza a Pietra Ligure è morto ieri pomeriggio travolto da un treno nei pressi della stazione di Pietra Ligure, nel savonese. Il bambino è sfuggito al controllo dei nonni con cui stava passando la giornata e ha attraversato i binari vicino a un passaggio a livello. In quel momento, però, è transitato un convoglio ferroviario, il treno 33828 Ventimiglia-Savona, che nonostante il tentativo di frenare lo ha investito, decapitandolo.
Sul posto è intervenuta la Polizia Ferroviaria. La tragedia è avvenuta intorno alle 15,30, a circa un chilometro dalla stazione di Pietra Ligure.
Secondo quanto accertato dai funzionari della Polfer, il bambino, Andrea, di 5 anni, si trovava seduto, insieme alla sorella di 10 anni e ai nonni, su un muretto che costeggia la ferrovia nei pressi di un passaggio a livello, regolarmente chiuso, in attesa del passaggio del treno. All’approssimarsi del convoglio, il regionale partito da Genova e diretto a Ventimiglia, Andrea, forse incuriosito, è sfuggito al controllo dei nonni, ha superato il passaggio a livello e ha attraversato i binari.
Il macchinista, accortosi della presenza del piccolo sulla strada ferrata, ha immediatamente attivato il freno d’emergenza, rallentando la corsa e consentendo così il passaggio del bambino. Ma Andrea, probabilmente con l’intenzione di tornare dai nonni, ha ripreso a ritroso lo stesso percorso ed è stato travolto.
I nonni della piccola vittima sono rimasti sotto choc, e sono stati ricoverati all’ospedale Santa Corona. Sulla vicenda sono in corso indagini da parte della Polizia Ferroviaria.