Bimbo neozelandese si perde a Quinto

Un bimbo neozelandese di 12 anni, in vacanza in Italia con la famiglia, è stato soccorso e salvato domenica pomeriggio dai carabinieri del nucleo radiomobile di Genova dopo essersi smarrito nei pressi della stazione ferroviaria di Quinto, nel levante genovese.
I militari lo hanno trovato piangente e in stato confusionale mentre si aggirava nei pressi dei binari col suo trolley, un’ora e mezzo dopo la denuncia di scomparsa dei genitori. Secondo quanto ricostruito dai militari il bimbo stava viaggiando sul treno con la madre quando, probabilmente per un errore, è sceso da solo alla fermata sbagliata. La donna si è accorta subito di quanto accaduto ed ha provato a scendere dal treno ma le porte del convoglio le si sono chiuse davanti. Sotto choc ha tirato il freno di emergenza nei pressi della stazione di Nervi arrestando la corsa del treno ed ha chiesto aiuto ad alcuni passeggeri che hanno dato l’allarme.
La mobilitazione è stata generale anche perché il bambino non parla italiano. Sul posto sono arrivate le pattuglie del nucleo radiomobile che hanno iniziato le ricerche tra la stazione ferroviaria ed i giardini della zona. Il ragazzino è stato rintracciato un’ora e mezzo più tardi nei pressi dei binari della ferrovia poco distante dalla stazione di Quinto. Spaventato è stato soccorso dai militari e accompagnato al pronto soccorso dell’ospedale Gaslini dove ha riabbracciato la mamma, che commossa ha ringraziato i carabinieri.
Un’avventura finita bene, per fortuna e senza conseguenze per il piccolo e la sua mamma che adesso potranno continuare la loro vacanza italiana. magari con un pochino di attenzione in più, durante gli spostamenti in treno.