Bimbo precipitato: aperta un’inchiesta

La procura di Roma ha aperto ieri un fascicolo processuale sul caso del bimbo di due anni morto mercoledì sera, dopo essere precipitato da una finestra dell’appartamento in cui viveva con la madre e la nonna a Tor Sapienza. Il pm Francesco Scavo al momento non intravede nessuna ipotesi di reato, ma dopo la prima fase di accertamenti, iniziata con l’autopsia, si potrebbe supporre la mancata vigilanza da parte della madre e della nonna, le uniche persone che erano in casa al momento del tragico episodio. Secondo la ricostruzione effettuata dagli agenti del commissariato Prenestino, al momento dell’incidente Amir si trovava in casa con la mamma, la nonna e la sorellina di tre anni, con la quale stava giocando in una stanza. Il piccolo sarebbe salito su un pacco, ancora da disfare, e dopo essersi sporto troppo dalla finestra, sarebbe precipitato nel vuoto, sbattendo prima sul davanzale della finestra del primo piano e poi in un giardino interno. Malgrado i soccorsi immediati dei condomini e dell’ambulanza, Amir è morto poco dopo il suo ricovero all’ospedale Sandro Pertini a causa delle gravi ferite riportate.