Bin Laden contro il Papa: "Crociata anti-islam"

Il capo di Al Qaida minaccia l'Europa nell'anniversario della guerra in Irak: "Per l'aggressione delle vignette danesi contro il profeta Maometto" e poi attacca Benedetto XVI: "Il Papa ha un ruolo significativo in questa crociata"

Washington - Il capo di Al Qaida Osama Bin Laden ha diffuso oggi un messaggio audio, nel quinto anniversario dell’inizio della guerra in Iraq, che minaccia l’Unione Europea di "grave punizione" per la pubblicazione delle vignette sul profeta Maometto. Il messaggio del n.1 di Al Qaida afferma che le vignette sono parte di una crociata anti-islamica ed accusa anche il Papa Benedetto XVI di essere parte di questa crociata. "La vostra pubblicazione di questi disegni, parte di una crociata dove il Papa del Vaticano ha un ruolo significativo, è una conferma da parte vostra che la guerra continua" afferma il leader di Al Qaida.

Immagine fissa Il messaggio di bin Laden, che dura poco più di cinque minuti, è indirizzato "alle persone sagge dell’Unione Europea" ed è accompagnato nella parte video da una immagine fissa del leader di Al Qaida, che imbraccia un’arma. "Avete messo a dura prova i musulmani - afferma il nastro audio - la risposta sarà ciò che vedete non quello che sentite. Possano le nostre madri piangere la nostra morte se non ci leveremo a difesa del messaggero di Dio". Le vignette sono state pubblicate per la prima volta da un giornale danese nel 2005 e ripubblicate successivamente da altri giornali.

Vignette Il messaggio di Osama Bin Laden è apparso su un sito web che in passato ha già pubblicato più volte messaggi di al Qaida. La voce del messaggio audio accusa l’Unione Europea di avere "aggredito i nostri villaggi con i vostri bombardamenti, questi villaggi costruiti col fango, che crollano sulle nostre donne e i nostri bambini". Il messaggio afferma che questi crimini tuttavia "impallidiscono al confronto di quello che avete fatto quando avete rinunciato a qualsiasi freno spingendovi a pubblicare questi disegni insultanti. Questa è la più grande disgrazia e la cosa più pericolosa e la punizione per questo sarà la più grave" prosegue il messaggio del terrorista. Le leggi islamiche vietano le immagini del profeta Maometto nel timore che possano portare alla idolatria. Le proteste da parte dei musulmani per la pubblicazione delle vignette in Danimarca, considerate un insulto all’Islam, avevano portato alla morte di oltre 50 persone. L’ultimo messaggio di Osama bin Laden risaliva al 29 dicembre scorso quando aveva sollecitato i paesi europei a por fine alla loro partecipazione militare al conflitto in Afghanistan.