Bin Laden minaccia il Papa e l’Ue

«Il Pontefice ha avuto un ruolo decisivo nella crociata anti-islam, risponderemo con i fatti»

da Dubai

Osama bin Laden attacca l’Europa per la vicenda delle vignette contro il profeta Maometto e accusa anche Benedetto XVI, considerandolo «coinvolto in un piano di demonizzazione dell’Islam». Questo il senso dell’ultimo messaggio audio diffuso sul web dal fondatore di al Qaida a cinque anni esatti dall’inizio della guerra in Irak. Si tratta del primo messaggio dal 29 novembre scorso.
Nel messaggio audio il leader di al Qaida minaccia l’Unione europea di gravi conseguenze per la ripubblicazione in Danimarca e in altri Paesi delle vignette contro il profeta Maometto, un’operazione parte di una «crociata» in cui è coinvolto il Papa che ha avuto «un grande ruolo». Il nastro dura 5 minuti e tre secondi ed è stato diffuso su un sito web con sullo sfondo una foto fissa di bin Laden. Le vignette vennero pubblicate per la prima volta dal danese Jyllands-Posten nel settembre del 2005 ma solo sei mesi dopo la cosa scatenò violente manifestazioni di protesta antioccidentali e in primis contro la Danimarca nel mondo musulmano. In totale i morti furono 50. Nelle scorse settimane i disegni vennero ripubblicati in Danimarca dove venne sventato anche un tentativo di assassinare uno dei disegnatori.