Bionde o ambrate, birre per ogni menù

Una birra per ogni tipo di cucina, una birra per ogni menù, una birra che diventa partner ideale per i sapori di tutto il mondo. Perché a volte succede, e non è per mera fortuna, che una piccola attività di produzione artigianale riesca a conquistare un posto di primo piano, sia in Italia sia all'estero, tanto da collezionare premi in tutto il globo. Solida esperienza, attenzione alle materie prime e rispetto delle antiche e preziose metodiche dei mastri birrai, ed ecco che Collesi è diventato il referente privilegiato di chi sa riconoscere birre di eccellenza. Sarà perché è prodotta in Apecchio, la città di Raffello, un villaggio medievale al confine tra Toscana, Marche, Umbria e Romagna, lontana da ogni tipo di inquinamento e immersa in una natura contaminata che consente la migliore coltivazione di luppolo e orzo, che produce un malto di eccellente qualità. O forse il segreto sta nella purissima acqua sorgiva del Monte Nerone, o nel microclima collinare ideale per la lievitazione e la maturazione delle birre. La Fabbrica della Birra Tenute Collesi produce artigianalmente e secondo un'antica e preziosa ricetta dei monaci, superbe quanto sfiziose bevande. Tutte ad alta fermentazione, non pastorizzate e con rifermentazione naturale in bottiglia, che permette di mantenere vivi i profumi e gli aromi di ogni singolo ingrediente, conferendo alle birre un gusto pieno e un elegante perlage. Ogni birra ha peculiarità tali da renderla perfetta per i vari abbinamenti gastronomici. Le bionde, che emanano sentori di luppolo in fiore, malto e note fruttate con profumi di lievito, vaniglia, crosta di pane caldo e miele, ben si sposano con la pastasciutta, anche con sughi elaborati. Mentre per un aperitivo o per un antipasto leggero è meglio dirigersi sul gusto armonioso e fruttato delle chiare. E se il menù prevede carni alla griglia, niente di meglio dei toni caldi e avvolgenti della birra ambrata, mentre a fine pasto una rossa o una nera sono l'ideale. Ma una triplo malto, gradazione alcolica 9°, può essere compagna fedele di tutto il menù. Intanto lo stabilimento Collesi prosegue nei suoi lavori di ampliamento e la rinnovata fabbrica potrà contare alla fine su più di 11mila metri cubi comprensivi di spazi per la produzione, sale di presentazione e degustazione, uffici, magazzini e stoccaggio. www.collesi.com