Biondini si butta nel mezzo: «Pronto a giocare da subito»

C'è sempre, almeno in questi due ultimi campionati, l'Udinese nei momenti più difficili dei rossoblù. L'anno scorso infatti dopo la sconfitta subita al Ferraris, ci fu la prima leggera contestazione verso la società. Che però rispose subito presente. Tolse Criscito dal mercato ed acquistò Floro Flores, Konko e Kucka. Quest'anno invece la corazzata di Guidolin, seconda forza del campionato, arriva a Marassi quando le critiche dei tifosi, vedi l'incontro non preventivato di giovedì negli spogliatoi, sono già arrivate e la dirigenza di Villa Rostan ha già operato sul mercato comprando Giardino e Biondini. E per la seconda volta in una settimana, non succedeva da parecchio tempo, il presidente Enrico Preziosi è tornato a Pegli. Probabilmente per tastare il polso dopo la visita dei ragazzi della Nord nei bassifondi del Pio. Ma ieri è stata pure la giornata della presentazione ufficiale di Davide Biondini. «Sono felice di essere arrivato al Genoa. Devo ringraziare la società perché grazie ad uno sforzo mi ha portato subito qua ed era in fondo quello che voleva». Che strano il calcio. L'ex numero 8 del Cagliari neanche cinque giorni prima affrontava il Grifone, ora è chiamato a guarirne i mali. Se non tutti, almeno quelli in mezzo al campo. Eppure l'inizio non è stato dei migliori. «In effetti anche Preziosi mi ha detto che era forse meglio arrivare oggi (ieri per chi legge ndr) ma nel calcio queste sono cose che succedono. I tifosi chiedono più impegno. Posso solo dire che si può solo migliorare e cercare di mettere in campo la grinta e la voglia che abbiamo negli allenamenti». Dove nei due disputati ha dimostrato di essere in forma. «Ho quasi sempre giocato nel centrocampo a tre, sia a destra che a sinistra. Comunque sono pronto per giocare subito». Contro l'Udinese, «sarà una gara fastidiosa e bisognerà correre tanto per vincere», mister Marino recupera capitan Rossi e Veloso, ma in difesa perde anche Antonelli. A questo punto le chance per il giovane Marchiori di partire titolare aumentano visto che pure il recupero di Dainelli pare difficilissimo. Intanto dopo le voci che volevamo Omar Milanetto implicato nel calcio scommesse, ora è arrivata pure l'ufficialità. Infatti, come previsto, la procura della Repubblica di Cremona ha iscritto nel registro degli indagati l'ex giocatore del Genoa insieme ad altri otto calciatori di Serie A ed trenta delle categorie minori, tutti per frode sportiva, nella nuova tranche dell'inchiesta «Last Bet», anche se Milanetto ha smentito seccamente di essere indagato. Sotto la lente d'ingrandimento da parte della magistratura c’è l’ormai nota gara Lazio-Genoa, penultima giornata del campionato scorso, terminata con la vittoria dei biancocelesti per 4-2.