Birmania Presto libera la Nobel San Suu Kyi

La data è quella prevista da tempo, ma la conferma di due ufficiali della giunta militare birmana aumenta le probabilità che stavolta la scadenza venga rispettata: Aung San Suu Kyi tornerà in libertà dai suoi arresti domiciliari il 13 novembre, una settimana dopo le prime elezioni in Birmania dal 1990, a riprova di quanto i generali temano ancora il carisma e la popolarità del Nobel per la Pace. L’intenzione dei generali è stata rivelata all’agenzia France Presse da due ufficiali, che hanno chiesto di rimanere anonimi.