Birra e specialità bavaresi nel parco a Crocefieschi

«Libiamo, libiamo nei lieti calici...» e se non sono calici, ma possenti boccali, non fa differenza. L’importante è stare insieme in allegria senza però mai (MAI!) perdere la testa. È questo il presupposto della festa della birra che per tre giorni, a partire da oggi e fino a domenica, trasformerà il tranquillo parco Braia di Crocefieschi in una degna succursale della Oktoberfest. La scelta della data è dettata dal fatto che il primo fine settimana di settembre per i genovesi è sinonimo di fine dell’estate. Poi, per 15 anni, si è svolta in questi giorni una popolarissima sagra del vino nel Gavese, in Piemonte. Soppressa quella festa, il passo dal vino alla birra è stato tutt’uno.
Così anche a questa edizione dell’Hofbräu Bierfest (la prima birreria bavarese a Genova ha compiuto due anni) si prevede la partecipazione di diverse migliaia di persone attratte, oltre che dalla birra, dal verde scenario degli Appennini Liguri. Birra Hofbräu, ma non solo. La novità della festa di quest’anno, infatti è rappresentata dalla presenza della cucina dell’alto Adige, con la possibilità di gustare le classiche specialità bavaresi. Direttamente da Vipiteno ecco delizie culinarie come lo stinco di maiale, i wurstel bavaresi, spaziando dai brezel ai crauti, dai galletti allo spiedo alle costine ai ferri, dallo strudel alla torta di grano saraceno. Ci sarà poi un’area per la distribuzione, 24 ore su 24, di wurstel alla piastra. Nei pomeriggi di domani e domenica si svolgeranno anche gare sportive di beach volley, ma il bello inizierà alle 18.30 con gli stand gastronomici, la birra e la musica, che andrà avanti fino alle 5 del mattino, quando saranno sfornati caldi krapfen per la colazione.
Insomma, la voglia di divertimento non ha limiti e neppure confini. Basta infatti oltrepassare il confine orientale della Liguria, che a Codiponte, antico borgo medievale nel comune di Casola in Lunigiana, provincia di Massa Carrara, per imbattersi in un’altra sagra altrettanto golosa: qui i protagonisti si chiamano torte e frittelle di mele, cian e pattone con farina di castagne, tutti gioielli della gastronomia tradizionale di quelle parti. L’appuntamento a Codiponte è per le giornate di domani e domenica, durante le quali saranno aperte le antiche taverne che ospiteranno il mercatino artigianale artistico. Per andare a Codiponte, all’uscita autostradele di Aulla si prosegue verso Fivizzano fino alla deviazione per Casola.