Bisca segreta e "dormitori" a Chinatown

Una bisca clandestina, miniappartamenti usati come dormitori, 17 cinesi
irregolari e una connazionale denunciata per favoreggiamento
dell’immigrazione clandestina. Blitz in via Alfieri

Una bisca clandestina, miniappartamenti usati come dormitori, 17 cinesi irregolari e una connazionale denunciata per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. È questo il bilancio di un controllo messo a segno sabato, intorno alle 19 a Chinatown.
I poliziotti delle volanti hanno fatto irruzione in via Alfieri, a pochi passi da via Sarpi e hanno trovato in due appartamenti con due vani ciascuno soppalcati, i 17 clandestini che sono tutti cinesi e maggiorenni (tra loro ci sono tre donne).
Complessivamente nei due bilocali erano stati ricavati 41 posti letto, mentre in un altro appartamento chiuso da una porta blindata gli agenti hanno scoperto una bisca clandestina. All’interno, un poliziotto si è fatto largo da un finestrone, è stato trovato un grande tavolo verde, di quelli tipici da gioco, con diverse fiches: insomma, una sorta di casinò «made in China».
La proprietaria dell’appartamento, una cinese di 62 anni, è stata indagata per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e dovrà pagare inoltre una multa di 6mila euro circa. Tra i connazionali fermati un 44enne è stato espulso perché non ottemperante all’ordine del questore di lasciare l’Italia.