Bisogna imparare ad amare Milano

Ma davvero Milano è brutta? Santo cielo, quanti difetti ha questa città! Bisognerà proprio provvedere a elencarli e analizzarli. Eppure a noi piace così com’è, ne siamo addirittura innamorati. Piace, per esempio, la sua signorilità architettonica, piace la sobrietà e l’asciuttezza urbanistica (periferie a parte, si capisce), piacciono tanto quei cortili in vecchi palazzi del centro che nascondono giardini inimmaginabili in città più belle e vistose. Ora ci si è messo anche Galli della Loggia, trasferitosi a Milano per occupare la cattedra del San Raffaele ch’è stata di Cacciari, a esibirsi in denigrazioni. «Milano - dice - non riesce a sviluppare un uso pubblico della cultura perché manca la capacità di organizzare modalità e luoghi di vita piacevole». Cioè: Milano è anche incolta, oltre che brutta.
Caro Galli della Loggia, aspetti un po’ prima di esprimere giudizi. Vedrà, col tempo si ricrederà. È capitato già a molti. Qualche nome? Boccioni, Govoni, Rebora, Ungaretti, Saba, Quasimodo, Vigolo, Zavattini, Solmi, Montale e via dicendo. Dice Vigolo in una sua poesia: «Mi piace il rigido cielo grigio/come un liquore forte,/un’acquavite che morde,/che punge la mia/romantica fantasia». Ecco, vede, dove la sta la bellezza di questa brutta città? Imparerà ad amarla anche lei.

* * *
Il Prefetto di Milano ci meraviglia sempre più con la signorilità e la grande civiltà dei suoi modi. Alla festa della Repubblica ha voluto ricordare Enzo Baldoni, il giornalista ucciso in Irak e la giovane Clementina Cantoni, sequestrata in Afghanistan. È un fatto che va rimarcato perché, per esempio, la Milano politica e faziosa (delle fazioni, proprio così) a quest’ultima ragazza, politicamente agnostica, ha dedicato poca attenzione. C’è da vergognarsene un po’.

* * *
Dice una signora che ci vive dentro: «La moda è il motore di Milano». A suo parere, però, la città non la sostiene con attività culturali. La signora ci permetta una domanda: tutte queste imprese dell’eleganza, che hanno conti faraonici in banca, quali attività culturali sostengono?