Bit 2014 mette al centro Expo: 1000 buyer stranieri

La Borsa del turismo, che si terrà in Fiera Milano da giovedì 13 a sabato 15 febbraio, grande vetrina per promuovere i pacchetti turistici per l'Esposizione. L'ad Pazzali: "Presenti i più grandi tour operator internazionali trainati dall' attrazione di Expo e dalla straordinaria offerta turistica dell'Italia"

E’ una Bit completamente rinnovata nel concept e nella formula, quella che si terrà in quattro padiglioni di Fiera Milano a Rho da giovedì 13 a sabato 15 febbraio. Una Borsa internazionale del turismo che mette al centro Expo 2015 e l’Italia, nel segno di una partnership strategica, legata all’Esposizione Universale che porterà a Milano milioni di visitatori facendola diventare una destinazione top mondiale.

Un intreccio forte fra le proposte di viaggi e vacanze e il richiamo di Expo che in Fiera trova una grande vetrina per farsi conoscere e proporre pacchetti turistici da commercializzare in tutto il mondo. Expo conta infatti su più di 140 adesioni tra Paesi partecipanti e organizzazioni internzionali mentre la Bit è una piattaforma di relazioni e business consolidata sia per il mercato dell’incoming che per le proposte delle destinazioni estere, che genera migliaia di incontri e contatti d’affari fra domanda e offerta.

La Bit infatti porta da 34 anni il mondo a Milano e in questa edizione propone un "viaggio"di tre giorni riservato ai visitatori professionali (un giorno è aperto al pubblico che cerca la vacanza ideale o il viaggio da sogno), facendo conoscere il bello dell’Italia, la sua storia, la sua tradizione enogastronomica – il food è il nucleo tematico attorno cui si sviluppa l’Esposizione Universale - a un pubblico internazionale che apprezza lo stile di vita e di vacanza italiano.

"Alla Bit sono presenti i più importanti tour operator del mondo trainati dalla grande attrazione turistica di Expo Milano 2015 che si aggiunge alla straordinaria offerta turistica dell'Italia – dice Enrico Pazzali, amministratore delegato di Fiera Milano -. Per questo, nell’ambito della partnership, abbiamo dedicato grande impegno e risorse allo sviluppo dei mercati strategici anche per Expo 2015. L’investimento è raddoppiato e gli hosted buyer specializzati presenti sono più di 1.000 provenienti da 64 Paesi. Ben il 54% di loro partecipa per la prima volta alla Bit. Abbiamo messo a fattor comune le provenienze degli operatori professionali della Bit e i Paesi target di Expo. Non solo, c’è una importante presenza italiana, con ben 15 regioni presenti e tra queste segnalo il ritorno in forze, dopo cinque anni, della Sicilia".

Risultato: alla Borsa del Turismo partecipano l'8% in più di espositori e il 100% in più di tour operator che possono inserire la visita all'Esposizione Universale ai pacchetti vacanza e ai tour italiani oppure partire, dopo aver visitato Expo, alla scoperta delle mete e degli itinerari più belli. Tra le rappresentanze più numerose presenti in Fiera quelle dagli Usa, Russia, Cina, Regno Unito, India, Brasile, Francia, Spagna, Canada, Paesi bassi. Tra gli eventi più importanti, il workshop dedicato Bit Buy Expo2015, incontro diretto fra domanda e offerta.

"Il dialogo con i tour operator è fondamentale in vista di Expo 2015 soprattutto per i visitatori esteri, come lo sarà a Bit 2015 quello con chi opera sul mercato italiano, altrettanto importante per noi. Per questo abbiamo uno spazio di 400 metri quadrati – afferma Giuseppe Sala, commissario unico di Expo -. Per ricevere 8 milioni di stranieri biglietti e pacchetti vanno venduti prima. I giochi si fanno in questi mesi e la Bit è in calendario nel momento giusto. Prima delle vacanze riteniamo di avere venduto una buona parte dei biglietti per gli stranieri. La Bit ha veramente un ruolo importante, potremo chiudere il secondo semestre dell’anno con le idee chiare con la vendita dei biglietti dei biglietti e un numero significativo di questi già venduti in pacchetti turistici. Per promuovere Expo e l'Italia - aggiunge Sala - lavoriamo anche con l’Enit e in questi giorni di fiera incontreremo centinaia di tour operator".

"La bellezza dell’Italia, la sua ricchezza culturale e la simpatia umana saranno al centro di Expo 2015. Al centro di questa bellezza c’è Milano e la Bit è strumento fondamentale per farla conoscere al mondo", spiega il sindaco Giuliano Pisapia alla presentazione di Bit 2014.

"Questa edizione della Bit sarà importante per il successo di Expo e per la crescita rapida e duratura del turismo e per il rilancio di tutto il Paese", dice l'assessore regionale al Commercio, Turismo e Terziario  Alberto Cavalli, che ricorda l'impegno internazionale del presidente Maroni per promuovere Expo con il World Expo Tour e l'iniziativa Lombardia Concreta, che metterà a disposizione 100 milioni di euro di finanziamenti, per innalzare la qualità di strutture ricettive, bar, ristoranti e negozi di alimentari". Nello stand della Regione sarà presente  anche Explora, la società creata dalle Camere di Commercio insieme a Expo 2015 Spa e Regione, incaricata di valorizzare e promuovere l'offerta turistica del territorio lombardo".

"Explora - sottolinea Carlo Sangalli, presidente della Camera di Commercio di Milano - è un motore innovativo del sistema turistico milanese e lombardo che sta facendo il suo debutto in Cina. Il suo compito è quello di promuovere il sistema turistico milanese e lombardo proponendo prodotti turistici mirati , sostenendo e integrando l'attività dei nostri operatori turistici che proporrano l'offerta ai tou operator mondiali. Sarà una delle principali eredità di Expo".

Expo al centro di Bit, ma anche Italia a tutto tondo perché il turismo mondiale è un mercato che nel 2013 ha superato la soglia di un miliardo di clienti ed è cresciuto del 5%, pari a 52 milioni di nuovi viaggiatori. Un mercato che secondo le previsioni del’Unwto, l’Organizzazione per il turismo delle Nazioni Unite, crescerà ancora nel 2014 del 4-5%. Aumentano le persone che si spostano in vacanza per il pianeta e cresce la spesa media procapite. Il turismo internazionale cresce e l’Italia resta una delle mete più desiderate ma deve recuperare appeal e competitività.

La grande sfida di Bit 2014 è questa: essere una piattaforma di business e promozione a sostegno delle imprese turistiche e dell’economia italiana puntando anche sul successo di Expo Milano 2015 come occasione irripetibile di ripartenza per il sistema Paese.

Informazioni: www.bit.fieramilano.it
Twitter: @bitmilano #Bit2014

Annunci
Commenti

cgf

Dom, 02/02/2014 - 10:30

nel frattempo si fa sempre più forte l'impressione che l'Italia non sia un paese sicuro e sopratutto non ci sono certezze di avere una giustizia giusta, certa e celere. Ovvio che son tutti li pronti a prendere meriti ma anche a scaricare sulla Moratti eventuali fallimenti.

cgf

Dom, 02/02/2014 - 10:30

nel frattempo si fa sempre più forte l'impressione che l'Italia non sia un paese sicuro e sopratutto non ci sono certezze di avere una giustizia giusta, certa e celere. Ovvio poi che son tutti li pronti a prendere meriti ma anche a scaricare sulla Moratti eventuali fallimenti.

Mario-64

Dom, 02/02/2014 - 11:51

cgf ,Italia insicura??? Veramente l'anno scorso abbiamo avuto un quarto degli omicidi che c'erano nei primi anni '90 ,direi che siamo uno dei paesi piu' "sicuri" ,borseggi a parte...

cgf

Lun, 03/02/2014 - 08:20

@Mario-64 lo vada a raccontare agli stranieri e quello che leggono sui giornali e "le breaking news su ABC"!!!! cmq nei primi anni 90 potevo dimenticare le chiavi in macchina durante la notte, oggi........ cmq non ci sono solo i delinquenti a rendere insicura l'italia.

cgf

Lun, 03/02/2014 - 09:18

la sensazione di sicurezza che si aveva negl'anni 90 ha nulla a che vedere con quella di oggi, visto che si parla di expo, va ricordato anche che a Milano, negl'anni 90 non esistevano le bande latinos e chino a Milano. Vogliamo aggiungere la crisi, la mancanza di lavoro, etc etc... tutti elementi che spingono a delinquere sempre più persone, non omicidi, ma minisequestri, rapine, borseggi... non servono le statistiche per scoprirlo.

Mario-64

Lun, 03/02/2014 - 09:56

cgf ,negli anni '91 '92 c'erano 2000 omicidi l'anno , nel 2013 sono stati 450. A me la "sensazione" interessa poco ,mi interessano i fatti. Gli americani e la ABC poi fanno solo ridere ,in una qualunque citta' negli States il numero di crimini violenti fa' impallidire anche Napoli...

cgf

Lun, 03/02/2014 - 11:37

Grazie mario, ha risolto ogni dubbio, cmq posso dirle che la breaking con Amanda è stata molto seguita. Come faccio a saperlo? notizie avute sul posto, per la cronaca sarò a NYC anche questo week-end. BTW perché non reclama il posto di AD di Mastercard? è una cocietà per azioni quotata al NYSE, visto che le città + visitate fanno delle statistiche sballate, cmq tenga conto che lei è marietto e "loro", a differenza di qualche assessore che vuol far bella figura, i dati loro li contano per davvero! Ma visto che gli piacciono le italiche statistiche, consulti l'ISTAT e cerchi l'andamento del numero dei reati perché un posto non è sicuro solo perché non ti ammazzano. 'bientôt' PK PK PK

Mario-64

Lun, 03/02/2014 - 13:40

cgf,dati FBI: 14827 omicidi negli Stati Uniti ,anno 2012. Fanno 4,7 omicidi ogni 100.000 abitanti. Italia ,come dicevo ,450 omicidi su 60 milioni di abitanti. Fanno 0,75 omicidi ogni 100.000 abitanti. A meno che lei non ne sappia piu' dell'FBI. Poi che lei vada a NY questo week end non e' che mi interessi granche', sono stato personalmente in 20 stati americani e non ci vivrei neanche un mese.

cgf

Lun, 03/02/2014 - 14:11

hanno spostato l'EXPO negli USA o Milano? chi ha mai detto che negli USA c'è meno criminalità? PKPKPK