Bit alla fiera di Guangzhou per conquistare nuovi turisti cinesi

La Borsa internazionale del Turismo organizzata da Fiera Milano debutta all'estero con Bit China, prima tappa del programma di internazionalizzazione Bit in the World. Oltre 50 operatori turistici presenti alla Gitf, la più importante manifestazione di settore. Nell'anno di Expo attesi oltre un milione di turisti cinesi

La Bit vola da Milano alla Cina per il suo debutto all'estero nell'ambito del programma di internazionalizzazione Bit in the World con cui la manifestazione di Fiera Milano accompagna le imprese del turismo sui più interessanti mercati in crescita per dare nuove opportunità di business.

Una "prima" importante per la Borsa internazionale del Turismo e per il prodotto Italia questa di Bit China, anche perché avviene poco prima dell'inagurazione, il primo maggio, di Expo Milano 2015. Come palcoscenico ideale Bit ha scelto Gitf, la più importante fiera cinese del settore (compartecipata da Fiera Milano e Hannover Messe), che si tiene dal 6 all’8 marzo a Guangzhou (Canton), capitale economica del Sud del Paese, vicina a Hong Kong e attrattore di business per tutto il Sudest asiatico.

Della delegazione italiana fanno parte, tra gli altri, istituzioni come la Regione Lombardia, hôtelier alto di gamma come AllegroItalia, protagonisti del trasporto aereo come Sea - Aeroporti di Milano, operatori attivi in nicchie dell'offerta in crescita come Il Matrimonio Perfetto e tour operator di rilievo come Eden Viaggi e Gartour.

"Crediamo in Bit China e siamo convinti che Gitf sarà un successo anche grazie a Expo Milano 2015 – commenta Sandro Saccoccio, direttore marketing di Gartour –. Il punto di forza che ci distingue sono i tour monolingue in inglese, spagnolo cinese e russo dove i nostri clienti, guidati nella loro lingua, potranno apprezzare maggiormente la visita. Oggi il turista cinese è cresciuto ed è molto più esigente. Inizia a viaggiare in modo individuale, adora fare shopping. E ama l’Italia in tutte le sue declinazioni. Proporremo nuovo prodotto mare in Liguria, Friuli Venezia Giulia, Romagna, Marche, Abruzzo e Puglia. Fra i tour di fascia alta abbiamo preparato itinerari enogastronomici di grande livello, in particolare in Emilia, Piemonte, Toscana, Campania e Puglia".

"Siamo felici di partecipare a Bit China con Bit e Fiera Milano – dice Piergiorgio Mangialardi, presidente di AllegroItalia -. Per noi è un’occasione strategica per espandere la nostra presenza in Cina e creare nuove relazioni sul territorio dopo la nostra recente acquisizione della ShanShui Villa a Guilin".

L'Italia nella giornata inaugurale sarà protagonista con ill workshop Travelling to Italy for Leisure, Wedding or Business, in cui ciascuno dei partecipanti disporrà di uno slot per presentare nel modo più efficace la propria offerta ai tour operator cinesi. La missione italiana sarà promossa anche con una campagna social che racconterà tutti i momento di Bit China in tempo reale.

A Bit2015 erano presenti 2.000 espositori di 100 Paesi con l'Italia delle vacanze e dei viaggi ed Expo in primo piano, la delegazione cinese, forte di oltre 50 importanti operatori turistici era una delle più numerose del programma hosted buyer. Grazie all’effetto Expo, quest'anno dal Paese asiatico sono attesi in Italia almeno un milione di visitatori, +7,8% (dato Confindustria). Secondo l’ultima edizione del rapporto UnwtoTourism Highlights, nel 2013 la Cina ha consolidato la propria posizione come primo mercato outgoing mondiale con oltre 114 milioni di viaggiatori internazionali (+13%) che hanno speso all’estero quasi 130 miliardi di dollari. Anche in Italia i turisti cinesi si qualificano come top spender, con 1.041 euro di spesa media per visitatore, precedendo statunitensi, 762 euro e russi 641 euro (dato Assoturismo-Confesercenti).
Per maggiori informazioni: www.bit.fieramilano.it, @bitmilano #bit2015.