BitMilano 2020, 40 anni in viaggio fra business e trend del turismo

La Borsa internazionale del turismo si rafforza puntando sull'internazionalità per valorizzare la destinazione Italia. Dal 9 all’11 febbraio 2020 in fieramilanocity proposte e novità per chi viaggia. Oltre 70 appuntamenti dedicati a quattro aree tematiche. Domenica 9 apertura per il pubblico

BitMilano compie 40 anni e continua a evolversi, ad anticipare le tendenze di un mercato internazionale sempre più in movimento - globale per definizione e natura - reinterpretando in chiave contemporanea anche il ruolo di “ambasciatrice” del turismo italiano. La Borsa internazionale del turismo, forte delle sue radici, guarda al futuro e alle trasformazioni in atto nella travel industry che secondo le stime di Euromonitor avrà una crescita annua costante del 3,3% del valore economico sfiorando tre trilioni di dollari entro il 2024.

Scenario in cui Bit 2020 - si terrà a fieramilanocity dal 9 all’11 febbraio 2020 - vuol giocare un ruolo importante sia come manifestazione internazionale sia per il legame con Milano, città attrattiva, dinamica, aperta, capace di richiamare sempre più visitatori da ogni Continente che è al 16mo posto nella top 20 per tasso di crescita fra quelle più visitate al mondo e a metà 2019 ha registrato oltre 5 milioni di visitatori, con un aumento medio mensile sul 2018 di circa il 7,5%. Non solo, è al primo posto tra le città italiane scelte dalla meeting industry e al secondo posto per numero totale di visitatori nel 2018.

Così la prossima edizione ha l’obiettivo di consolidare i risultati e i numeri delle ultime edizioni dal punto di vista delle presenze degli espositori e delle opportunità di business per visitatori professionali e buyer e di scoperta per il pubblico dei viaggiatori. La Bit infatti è l’unica fiera italiana di settore multitarget b2b e b2c, un “generatore di occasioni di affari” che permette agli investitori importanti ritorni degli investimenti.

Le iniziative b2b - dalle agende dedicate agli hosted buyer all’applicazione dedicata MyMatching fino alla formazione dedicata esclusivamente alle agenzie di viaggi, sono sempre più apprezzate e richieste. E a questo si aggiunge la la giornata di apertura al pubblico prevista domenica 9 febbraio che nell’edizione 2018 ha confermato con i tanti ingressi di chi era in cerca del viaggio o della vacanza da sogno, di nuove location da scoprire, di esperienze originali e inedite quanto sia forte la voglia di viaggiare e fare esperienze. Dimostrazione che c’è sempre grande interesse per la Bit tra i viaggiatori contemporanei sottolineata dal claim Happiness is a Journey, richiamo al tema del viaggio vissuto da protagonisti, con ottimismo, voglia di scoprire, scoprirsi e condividere. Viaggio che inizia proprio nei padiglioni di fieramilanocity.

Positivo anche il trend delle adesioni da parte degli espositori che sono in costante aumento e vedono già molte riconferme da parte di Enti del turismo esteri e delle Regioni italiane. Qualche esempio: lo stato brasiliano di Cearà, Cipro, Croazia, Cuba, Repubblica Dominicana, Indonesia, Marocco e Tunisia, e sul versante nazionale, della quasi totalità delle Regioni, tra cui le “storiche” Emilia Romagna, Toscana, Umbria e Veneto, oltre a molte città, consorzi, comunità montane. Dinamico e differenziato per proposte anche il versante privato con player, ad esempio, come Incoming, Hapimag, Land of Fashion (con Franciacorta Outlet ed altri quattro), le catene alberghiere NH Hoteles, Ramada, e Space Hotel.

Confermate le aree tematiche del percorso espositivo: Bit4Job, lo spazio dedicato al recruiting per il settore turistico; BeTech, con focus sul digitale, la tecnologia e le startup del settore; I love Wedding, con i servizi per coppie di futuri sposi e planner. E l’esclusivo Mice Village, lo spazio interamente dedicato a meeting, incentive e congressi è un altro punto di forza della piattaforma di business.

“C’è sempre più voglia di Bit2020; – commenta Simona Greco, direttore manifestazioni di Fiera Milano – e lo diciamo con grande soddisfazione perché il lavoro che stiamo portando avanti con entusiasmo ha l’obiettivo, in occasione del 40° compleanno, di rafforzare ulteriormente la presenza di Milano tra le capitali mondiali del turismo. Siamo all’opera per dare ancora più valore alla nostra doppia anima tenendo presenti sia le esigenze degli espositori sia quelle del pubblico, con la consapevolezza che la forza unica ed esclusiva di Bit risieda proprio nella capacità di coglierne a fondo le specificità”.

Fiera Milano vuole continuare a investire nel settore del turismo, industria florida con un mercato in crescita in particolare in Europa e in Italia, facendolo non solo in maniera tradizionale, come grande vetrina, ma anche trattando temi di attualità, interpretando e rappresentando le tendenze del settore - aggiunge Simona greco -. L’incontro fra domanda e offerta, fra espositori e buyer, agenzie e addetti al lavori non riguarda solo il prodotto ma anche l’informazione e la formazione. Approfondire temi come quello della sostenibilità delle destinazioni turistiche, dell’impatto dei flussi sulle città d’arte e sui territori. L’internazionalità di Bit è importante anche perché attrae compratori esteri interessati alla destinazione Italia. E guardiamo al futuro anche tenendo presente il ruolo che avremo per il grande appuntamento con le Olimpiadi invernali del 2026”.

L’ edizione 2020 proporrà un nutrito calendario con più di 70 incontri, con quattro aree tematiche: Formazione, Tecnologia, Hot Topics, Turismo enogastronomico. Saranno presentati anche il nuovo Rapporto sul Turismo Enogastronomico e il XXIII Rapporto sul Turismo Italiano, promossa dall’Iriss (Istituto di Ricerca su Innovazione e Servizi per lo Sviluppo) del Cnr, documento di riferimento e strumento guida per scelte strategiche e politiche del sistema turismo.

Tutte le informazioni su www.bitmilano.it @bitmilano #bit2020