Blair riapre i conti tra Milano e Treviso

L’americano protagonista con 18 punti e 12 rimbalzi. Roma porta Siena all’1-1

Oscar Eleni

da Milano

Nella notte di santa Restituita, legnate date e prese in quantità meno industriale di gara uno, l’Armani scopre che non ha soltanto bisogno di artigli, ma anche di artisti: Joseph Blair (18 punti, 12 rimbalzi, 7 falli subiti, 3 recuperi) rende impotente la difesa Benetton per tre quarti, Dante Calabria il figlio dei fiori, con altri 18 (12 negli ultimi 5 minuti) castiga per il conto totale quando Treviso, tornata vicino (61-58 a 6’ dalla fine), dopo essere stata sotto tanto, scopre che non era nottata sullo sfondamento dubbio di Santangelo. Il fattore campo, l’urlo di 7000, scrivono anche una parte della festa, un po’ quello che deve essere accaduto a Roma dove Siena è stata mangiata dalla Lottomatica (84-60).
Milano e Treviso 1-1, 76-65 al gong, una gioia che fa ballare anche Ottavio Missoni, facendo saltare sotto il tunnel Adriano Galliani che almeno ha trovato un’isola dove non gli chiedono del suo calcio, anche se intorno gli gira Corbelli che pure qualcosa deve ricordargli. Giuseppe Blair, il santo bevitore dai trascorsi negli Harlem, uno che se sente intorno l’attenzione giusta, gli occhi di Armani, della gente della Milano che conta, trova la strada, il senso del canestro, come mattatore e non si capisce davvero perché la Benetton non abbia costruito subito la gabbia. Lo ha fatto un po’ tardi, quando ha ritrovato soltanto Goree mentre non riusciva a decodificare l’incubo che teneva Nicholas, ma soprattutto il ragazzo Bargnani(3 su 8), lontani dalla mischia, ma anche Zizis ha sempre battuto in testa e Mordente, come Soragna si è fatto assolvere soltanto per una discreta difesa, mentre l’altro ragazzo Bryant si è confuso nella ricerca di un combattimento che non è nelle sue corde. Invisibile e quasi non utilizzato Slokar, con il rimpianto di non aver dato più spazio a Santangelo che almeno ha la faccia di chi sa combattere. La mancanza di Siskaukas che durerà ancora, forse sarà pronto per una quinta sfida se martedì e giovedì prossimi rivivremo la stessa notte favorevole a chi sente di avere intorno amici, limita una Benetton che insiste a non voler correre, una cosa importante se devi inseguire il marlin Blair.
Sasha Djordjevic può essere felice dei suoi uomini artiglio, cominciando da Schultze, ma nel momento del fuoco non gli è mancato quasi nessuno.
Milano-Treviso: 1-1 (76-83; 76-65). Gara 3 martedì a Treviso.
Roma-Siena: 1-1 (64-74; 84-60). Gara 3 martedì a Siena.
Udine-Napoli: 0-1 (87-107; gara 2 oggi, ore 20.30, diretta SkySport2). Gara 3 mercoledì a Napoli.
Biella-Fortitudo: 0-1 (67-78; gara 2 oggi, ore 18.15). Gara 3 mercoledì a Bologna.