Blitz della Cia in Pakistan, catturato capo dei talebani "Il vice del mullah Omar"

Il principale capo militare dei talebani Mullah Abdul Ghani Baradar è stato catturato nella città pachistana di Karachi, in un raid segreto organizzato dalla forze d'intelligence degli Stati Uniti e del Pakistan<br />

Kabul - Il principale capo militare dei talebani Mullah Abdul Ghani Baradar è stato catturato nella città pachistana di Karachi, in un raid segreto organizzato dalla forze d'intelligence degli Stati Uniti e del Pakistan. Lo riporta oggi il New York Times. Citando fonti governative ufficiali statunitensi, il Times afferma che Mullah Baradar, descritto come la figura talebana più significativa catturata dall'inizio della guerra in Afghanistan, è rimasto sotto la custodia pakistana per diversi giorni ed è stato interrogato anche dall'intelligence Usa.

Numero due del mullah Omar
Le notizie dell’arresto del mullah Abdul Ghani Baradar, comandante dei Talebani in Afghanistan e numero due del movimento fondato dal mullah Omar, sono "errate e infondate". Lo hanno fatto sapere i Talebani dell’Afghanistan. "Le notizie in merito all’arresto del mullah Baradar sono completamente false e infondate. Il mullah Baradar si trova in Afghanistan e comanda la guerra contro le forze Nato nel distretto di Marjah, nella provincia di Helmand", ha detto all’agenzia di stampa ’Xinhuà Qari Yusuf Ahmadi, portavoce dei Talebani. Il riferimento è all’offensiva anti-Talebani lanciata venerdì scorso dalle forze della coalizione e da quelle di sicurezza afghane nel distretto di Marjah, roccaforte dei Talebani. Riferendosi poi al "New York Times", che per primo ha dato la notizia della cattura del mullah Baradar, Ahmadi ha sottolineato che "la pubblicazione di quell’articolo ha danneggiato la reputazione" del giornale. Secondo quanto confermato da fonti militari di Islamabad, il mullah Baradar sarebbe stato arrestato diversi giorni fa in un’operazione congiunta di agenti dell’intelligence statunitense e pakistana a Karachi, città portuale del Pakistan meridionale.

I talebani smentiscono
I talebani smentiscono la notizia della cattura del loro capo militare Mullah Abdul Ghani, che il New York Times dà come caduto nella rete di un raid segreto dell'intelligence statunitense e pakistano effettuato a Karachi, in Pakistan. "Non è stato catturato - afferma il portavoce talebano Zabihullah Mujahid -. Vogliono soltanto distrarre l'attenzione della gente dai loro fallimenti di Marjah e confondere l'opinione pubblica". Nella località di Marjah, roccaforte dei talebani nell'Afghanistan meridionale, l'esercito afghano e la Coalizione internazionale sono impegnati in un'avanzata contro i miliziani.