Un blitz della Colli in Corvetto: «Bisogna riportare il decoro»

«La miccia è innescata». Questa la preoccupante testimonianza raccolta durante l’ispezione dell’assessore al Decentramento, Ombretta Colli al Corvetto. «Ma se al mattino - commenta un abitante - mi affaccio e vedo le persone fare i bisogni nel parco, cosa devo fare?». Pare proprio che il decoro e la decenza siano stati smarriti in quel di Monte Velino.
Molti i camper e i furgoni parcheggiati nel giardino adiacente a via Maspero - in regola dicono le forze dell’ordine - che vengono utilizzati come rifugio notturno da molti extracomunitari, il più delle volte affittuari del reale padrone. «Si tratta di immigrati - dice un poliziotto - che lavorano abusivamente all’interno del mercato ortofrutticolo. Entrano di straforo rubando la merce dai camion, per poi rivenderla all’interno dello stesso mercato».
«L’illuminazione è troppo scarsa la notte - lamenta Giuseppe, pensionato che frequenta la bocciofila - il coprifuoco comincia alle 23. La mattina poi, per non sentire olezzi, siamo costretti a pulire noi stessi i bisogni di altri. Il vecchio bagno pubblico, infatti, lo hanno bruciato un anno fa». Poi non bisogna scordare l’occupazione abusiva delle vicine case comunali, il giro di prostituzione su un camper che staziona in zona solo di notte e le baby-gang, definite un fenomeno di importazione. «Ristabiliremo il decoro, con coraggio - dice l’assessore -. Le nostre competenze e i deterrenti alla criminalità verranno potenziati; i quartieri devono essere rivitalizzati anche attraverso scuole di musica, affinché i giovani non crescano accanto ad esempi devianti».