Blitz di Galliani a Barcellona non solo Zambrotta, ipotesi Eto’o

Trattativa fino a notte fonda: l’azzurro costa 10 milioni di euro. Mazzarri chiede due rinforzi per la Samp: Paloschi e Marzoratti

Perfettamente riuscito l’intervento in artroscopia a cui è stato sottoposto Kakà alla clinica Pasteur di Rio de Janeiro. L’intervento al corno posteriore del menisco è stato eseguito dal medico della nazionale brasiliana professor Runco, presente il medico sociale del Milan Massimiliano Sala, il Pallone d’Oro starà fermo al massimo quindici giorni. Intanto sta nascendo il nuovo Milan, ieri Adriano Galliani è volato a Barcellona per chiudere l’acquisto di Gianluca Zambrotta. Con lui al tavolo il consulente di mercato Ernesto Bronzetti, il presidente del Barça Jouan Laporta e il vice presidente Alfons Godall i Martínez. Il Barcellona ha ribadito la richiesta di 10 ml di euro, il Milan si è fermato a 7,5: un blitz reso necessario per evitare che la trattativa andasse oltre ogni logica dopo la volontà dell’ex juventino di vestire rossonero. Bronzetti ha parlato anche di Eto’o e Ronaldinho con il ds Txiki Begiristain: il centravanti ieri ha ricevuto un’offerta molto alettante dal Manchester City, mentre il brasiliano resta un’operazione complicata. Il Barcellona ha diversi pezzi da piazzare, dopo Deco anche Thierry Henry potrebbe lasciare la Liga spagnola per tornare in Premier. La conferma di Walter Mazzarri sulla panchina della Sampdoria sta aprendo due nuove trattative: Alberto Paloschi e Lino Marzoratti. Il centravanti, chiesto anche dalla Reggina del presidente Lillo Foti, andrà quasi certamente in prestito, il difensore rientra dall’Empoli ma verrà girato per un’altra stagione. Novità anche per il ruolo di portiere, il ds del Palermo Rino Foschi ha chiesto Cristian Abbiati, rientrato dall’Atletico di Madrid, per la prossima stagione.
Roma bloccatissima, dall’America il magnate magiaro George Soros ha fatto sapere di non essere disposto a partecipare ad aste ma i contatti proseguono. I Sensi hanno però una priorità immediata, dovranno rientrare dal debito di 370 ml di Italpetroli per evitare il fallimento. Ma c’è anche un nuovo acquirente: Raffaello Follieri, trentenne foggiano amministratore di quattro fondi d’investimento americani di circa otto miliardi di euro, e partner di John Joseph Fisher, già segnalato in marzo fra i possibili compratori. Nelle intenzioni Follieri ripianerebbe il debito, lascerebbe gli attuali dirigenti al loro posto e garantirebbe un mercato con due nomi importanti. Un altro rumors ritiene invece del tutto infondate le voci di una cessione societaria con un mercato molto ridimensionato. Quasi certamente rientreranno i giovani Alessio Cerci dal Pisa e Aleandro Rosi dal Chievo a cui potrebbe essere girato il portiere Gianluca Curci. Ieri il ds Daniele Pradè ha parlato con l’Ascoli per bloccare il difensore Simone Pesce e il centrocampista Stefano Guberti. I sogni giallorossi invece si complicano, sullo spagnolo Joaquin Sanchez Rodriguez del Valencia ci sarebbero anche Everton e Atletico Madrid, dopo che i 18 milioni offerti dalla Roma non sono stati ritenuti sufficienti, mentre per Gilberto Silva dell’Arsenal continuano i contatti. Ma la Roma deve monetizzare e questa sera Amantino Mancini gioca la sua ultima partita in maglia giallorossa. Anche Mirko Vucinic e Alberto Aquilani sono richiestissimi, il primo ha il veto di Luciano Spalletti che lo ritiene incedibile, il centrocampista invece è nel mirino di Juventus e Inter che da domani, a stagione finita, inizieranno uno scontro senza limiti per il giovane talento del calcio italiano convocato per l’Europeo.
L’Inter cerca un centrocampista e ha due nomi in lista, l’altro è il capitano del Chelsea Frank Lampard che Peter Kenyon, amministratore delegato del club di Stanford Bridge, ritiene uno dei due monoliti, l’altro è John Terry, su cui rifondare i blues: «Lui è uno dei migliori al mondo nel suo ruolo - ha dichiarato Kenyon -. Un nuovo accordo economico con lui è sempre rientrato nei piani della società come una delle priorità».