Bloccata la discarica, scontri con i carabinieri

Napoli - Due notti fa i camion del Commissariato straordinario per la emergenza rifiuti in Campania, sono entrati con un escamotage nella discarica di Contrada Pisani, a Pianura. La polizia ha creato un varco, eludendo il presidio organizzato dalla gente del quartiere, cinquecento persone. La pattumiera di Napoli, chiusa nel '96 dopo circa 50 anni di onorato servizio, con l'intento di trasformarlo in un campo da golf e in una zona alberghiera, ha dunque riaperto. Il tempo di allestire lo sversatoio, poi, la monnezza di Napoli, finirà li, i camion torneranno dopo 12 anni, nel quartiere dormitorio e dell'abusivismo edilizio.
Ma, le gente non ci sta. Anche ieri, blocchi stradali con falò, cassonetti rovesciati. Tensioni con la polizia e i carabinieri, in assetto antisommossa permanente. Ma c'è anche chi sta cercando di cavalcare la protesta, infiltrandosi tra la popolazione che, comunque, a parte i blocchi, non si è mai scagliata contro le forze dell'ordine, come ammesso dagli stessi funzionari di polizia, che stanno coordinando l'ordine pubblico. Ad esempio, il bus di linea dato alle fiamme due notti fa, quasi certamente è opera di frange estreme dei Centri sociali ma, è ancora troppo presto per risalire all'area di appartenenza. Non solo i Centri sociali ma, anche estremisti del tifo azzurro, ultrà della curva A dello stadio San Paolo, che risiedono a Pianura, che non vedevano l'ora di dare addosso alla polizia. Ed è proprio da uno di questi ambienti che potrebbero essere stati lanciati ieri sera, alcuni petardi sugli agenti in assetto antisommossa.