Il blocco del traffico? Una «burla» alla romana

Pioggia e Carnevale: tutti a piedi. L’unica «burla» l’ha fatta l’amministrazione ai romani rimasti prigionieri in casa ostaggi del maltempo. Sono state 3800 le multe elevate ieri dai vigili urbani per il blocco del traffico, di cui ben 3500 nei confronti degli automobilisti e 300 di «sprovveduti» centauri. Come sottolinea il vice comandante del corpo della polizia municipale di Roma, Angelo Giuliani, rispetto alla scorsa domenica di blocco, il 28 gennaio, si è registrata una diminuzione delle multe ai ciclomotori del 35 per cento (400 la scorsa volta) ma un aumento delle sanzioni alle automobili (3000 domenica 28 gennaio). I più indisciplinati? Nel VI e nel IX Municipio, quindi nel centro storico dove è stato registrato il maggior numero di multe. Seimila i controlli effettuati nella giornata da 400 agenti su 200 pattuglie. Per Fabio Schiuma, consigliere capitolino di An, la domenica ecologica non è altro che «l’ennesima carnevalata con cui si fermano circa 400mila auto, mentre a partire da oggi fino a sabato ne circoleranno 9 milioni. Servono metanizzazione degli stabili e rilascio del trasporto pubblico. L’inquinamento a Roma non è dato solo dalle auto. Bisogna incentivare il gas metano anche per il riscaldamento e migliorare prima i mezzi pubblici».