Il «Blue Note» si tinge di rosa Hiromi precede Sarah Jane Morris

Buona la ripresa dei jazz club milanesi dopo la pausa pasquale. Si distingue il Blue Note che riserva tutti i concerti, da domani a domenica, alla voce femminile. Domani e giovedì ritorna la pianista e vocalist Hiromi, già ammirata sul palcoscenico di via Borsieri per la tecnica superlativa e per l'indubbio fascino orientale. Si presenta con John Shannon chitarra, Tony Grey contrabbasso e Mauricio Zottarelli batteria. Nelle altre sere il palcoscenico è per una beniamina del club, Sarah Jane Morris, capace di trascorrere dalla canzone d'autore al jazz con eccellente disinvoltura. Sarà accompagnata dal suo abituale quartetto. Il Caffè Doria riapre giovedì 16 alle 22 con la sua «home orchestra», la trascinante Olympia Ragtime Band. Le Scimmie propongono venerdì 17 il trio del batterista romano Fabrizio Sferra. I musicofili esigenti non perderanno, sabato 18 alle 21 al Teatro Manzoni di Monza, il pianista Uri Caine in solo.