Blue Panorama querela l’Unione piloti Scontro duro sul nodo della sicurezza

L’Enac conferma: «Il gruppo è in regola con tutti i controlli effettuati». Messo allo studio un progetto di low cost

da Milano

La compagnia aerea Blue Panorama ha querelato l’Unione Piloti, il secondo sindacato nazionale della categoria, per aver diffuso «notizie false» riguardanti «presunte irregolarità commesse dalla compagnia nella gestione tecnico-operativa». Il sindacato aveva a più riprese dichiarato che una compagnia italiana, poi indicata appunto in Blue Panorama, non rispetterebbe i tempi di volo previsti per i piloti, costretti a un impegno orario superiore a quanto consentito dalle norme in vigore.
La compagnia ha voluto reagire in maniera netta, pronta a portare i vertici dell’Up in tribunale, perché «in regola con tutte le ispezioni fatte dall’Enac». L’ente per l’aviazione civile ha confermato ufficialmente che «Blue Panorama risponde a tutti gli standard di sicurezza», come è risultato dalle verifiche compiute «secondo mandato istituzionale». La reazione della compagnia di cui è presidente e azionista Franco Pecci è particolarmente risentita anche in virtù del contesto di forte sensibilizzazione per i problemi relativi alla sicurezza aerea: «Il 5 agosto avevamo già diffidato l’Up dal proseguire nella sua azione tendente a screditare la compagnia per motivi che riteniamo del tutto strumentali».
Nel pomeriggio di ieri il presidente dell’Up, Massimo Notaro, ha confermato le accuse relative alle turnazioni dei piloti e anche alla loro attività formativa. Secondo fonti della compagnia, l’Up è in cerca di visibilità, nell’intento di ritagliarsi un ruolo, visto che tra i 700 dipendenti di Blue Panorama, oltre 200 dei quali piloti, non sono attualmente presenti sindacati. Con una flotta di 13 aerei, un’attività rivolta soprattutto al lungo raggio, un milione di passeggeri trasportati all’anno, 180 milioni di fatturato nel 2005, la compagnia ricorda di essere membro della Iata e in regola con ogni certificazione richiesta.
Nelle ultime settimane Blue Panorama ha cancellato il collegamento di linea Venezia-Shanghai, avviato in gennaio, accusando l’aeroporto veneziano Marco Polo di inadempienze contrattuali del valore di 1,5 milioni di euro. Ha in corso inoltre un progetto di low cost da Fiumicino e Malpensa che dovrebbe decollare entro l’anno.