Con la Bmw Serie 3 Convertibile tra highway e cactus in Arizona

da Scottsdale (Arizona)

Dopo oltre 600mila unità prodotte in poco più di 20 anni, anche la Serie 3 di Bmw, alla quarta generazione, si inchina al trend imperante, quello delle coupé-cabrio. A Monaco, tuttavia, nel più puro ed esclusivo stile «premium» del brand, preferiscono parlare di «convertibile», ma la sostanza non cambia. Ciò che fa la differenza tra la nuova Serie 3 Cabrio e la massa delle altre CC è l’innovativo equilibrio tra le parti della carrozzeria, con una coda snella, il grande spazio riservato ai passeggeri del divano posteriore e la moderata inclinazione del parabrezza. Da dimenticare, dunque, l’entusiasmante contrasto tra la capote in tela blu e il corpo in argento, per apprezzare però i vantaggi offerti da «due auto in una». Sulle strade dell’Arizona, scelte per l’anteprima mondiale della 3 Cabrio (in Italia dal 31 marzo: 20 versioni, prezzi da 42.250 a 55.850 euro), l’auto viaggerà prevalentemente a cielo aperto, dopo aver fatto scomparire il tetto in soli 22 secondi, operazione possibile sia attraverso il telecomando sia mediante un pulsante. Tra le Superstition Mountain, verso Lake Roosevelt e Lake Saguaro, sulle tracce di sanguinari cacciatori d’oro, è splendida la visione di foreste di cactus giganti, tutta da godere in totale sicurezza, con il potente 6 cilindri, 3.0, doppio compressore, da 306 cv, che deve sottostare al severo limite di 65 miglia, che non disturba, però, quando si viaggia dopo il tramonto alla scoperta di costellazioni che sembra di poter toccare grazie alla secca e rarefatta aria di questa zona. Più a suo agio, con la linea elegante e compatta (4,5 metri di lunghezza, 1,78 di larghezza), la 335i Cabrio si trova su highway e freeway di Scottsdale, la Beverly Hills di Phoenix, dove viene ammirata da ricchi (soprattutto ricche) guidatori appollaiati sui loro giganti: Escalade, Cayenne, Navigator o Armada, che scompaiono in un baleno al verde del semaforo (l’accelerazione della 335i da 0 a 100 orari è di 5,8 secondi) sia con il cambio manuale a 6 marce, sia con la trasmissione automatica a 6 rapporti con comando al volante.
Nella media è la capienza del bagagliaio, con 210 litri a tetto ripiegato e facilitazione del carico con l’Active Loading, molto utile vista la complessa sagoma del vano.
Di grande utilità sono l’apertura nello schienale posteriore per il trasporto di carichi lunghi e la possibilità di abbatterlo a protezione della seduta quando questa viene usata per il trasporto di oggetti. Complesso, ma sicuramente affidabile, il tettuccio della tedesca Edscha. Quattro gli allestimenti e 5 le motorizzazioni, 4 a benzina e una diesel, destinata alla 330d, il sicuro best-seller (listino europeo a partire da 51.350 euro).