Bmw Serie 5, «l’auto giusta che arriva al momento giusto»

CascaisProtagonista indiscussa delle nicchie più esclusive del mercato automobilistico con vetture come la X6 e la recente Gt, Bmw torna in questi giorni a dedicarsi al modello più classico della sua gamma: la berlina della Serie 5, il cuore dello sterminato range delle vetture bavaresi e asse portante degli utili della casa di Monaco. Il rinnovamento radicale di questa serie è un rito che si compie ogni sette anni e si ripete oggi per la sesta volta dopo oltre 5,5 milioni - berline e touring - di unità prodotte dal 1972 quando creando la «5», Bmw riuscì a riunire per la prima volta i concetti di sportività ed eleganza in una sola vettura. La sesta serie, in prova durante le ultime settimane sulle strade portoghesi e sul circuito dell’Estoril e dal 2 marzo in prima assoluta al salone di Ginevra, è «l’auto giusta al momento giusto - come ha sottolineato il presidente di Bmw, Norbert Reithofer, ai giornalisti della stampa internazionale -: l’auto che ci permetterà di conservare la leadership nel segmento premium».
Realizzata su un pianale totalmente nuovo di tipo modulare, la nuova berlina Bmw si presenta con un passo allungato di 8 cm e 4 cm in meno di lunghezza (4,90 m), valori che hanno permesso di ottenere una maggiore abitabilità e ridurre gli sbalzi anteriore e posteriore. Con la nuova Serie 7 si può parlare soltanto di affinità (molti però sono i componenti comuni alle due vetture che vengono prodotte nello stabilimento di Dingolfing) perché diverso è l'equilibrio raggiunto fra i tre volumi della carrozzeria, con quella della «5» dominata dal cofano percorso da profonde incisioni che trasmettono una sensazione di movimento e di proiezione in avanti, una carica di sportività che non troviamo nell’ammiraglia del gruppo.
Seguendo i principi della filosofia EfficientDynamics, che pone già la Bmw al primo posto tra i costruttori di auto di lusso per quanto riguarda le emissioni di CO2, il telaio della Serie 5 è stato alleggerito di 50 kg, una riduzione che ha in parte compensato la maggiore tecnologia imbarcata, con una massa totale (1,7 tonnellate il modello 530d) che aumenta di circa 100 kg. Nonostante ciò, i propulsori scelti per la nuova berlina (la touring arriverà nella seconda metà del 2010) possono vantare una riduzione dei consumi conservando intatte o addirittura aumentando le potenze massime. Il 20 marzo, giorno del lancio ufficiale, la Serie 5 si presenterà con tre versioni a benzina a sei cilindri in linea - 523i da 204 cv, 528i da 258 cv, 535i da 306 cv - e la V8 550i da 407 cv. Due le sei cilindri turbodiesel: la 525d da 204 cv e la 530d da 245. Superfluo dire che sono tutti Euro 5, mentre per il primo Euro 6 bisognerà attendere qualche mese, quando scenderà in strada la 520d equipaggiata di un quattro cilindri da 184 cv che emette appena 132g/km di anidride carbonica.
Sulle strade che si inerpicano a nord di Cascais, toccando cittadine patrimonio mondiale dell’Unesco come Sintra e Mafra, la 530d e la 535i, equipaggiate di cambio Steptronic a 8 rapporti, che abbiamo potuto provare hanno ancora una volta confermato la straordinaria capacità dei bavaresi di coniugare potenza e comfort, per un piacere di guida che sale a livello di benessere esaltato dal disegno degli interni, dai materiali utilizzati per rivestirli e dalla precisione delle finiture. L’handling sempre impeccabile trova la sua massima espressione dotando la vettura dell’asse posteriore sterzante che consente alle ruote di curvare con un angolo di 2,5 gradi, una soluzione già introdotta su Gt e Serie 7. Esclusiva per la Serie 5 - che può montare anche la telecamera con visione dall’alto - è l’assistenza al parcheggio che non richiede azioni sullo sterzo da parte del guidatore. I prezzi, compresi fra 44.540 e 75.540 euro, sono in linea con il ruolo della vettura, ma destinati a salire con i tanti optional che il cliente della Serie 5 non vorrà farsi mancare.