Bmw si conferma leader tra i «premium»

E fanno quattro. Per il quarto anno consecutivo, e a meno di ormai improbabili «ribaltoni», Bmw si appresta a ribadire il proprio ruolo di leader tra i marchi premium presenti sul mercato delle flotte aziendali. Gli ultimi dati diffusi da Unrae, relativi al periodo gennaio-ottobre, parlano infatti di 29.756 vetture immatricolate dal costruttore bavarese a società e imprese, contro le 29.011 di Mercedes e le 24.487 di Audi, suoi diretti competitor. «Rispetto allo scorso anno, cresciamo dello 0,6% - commenta Maurizio Ambrosino, corporate & direct sales manager di Bmw Italia - mentre Mercedes, con la quale ci contendevamo testa a testa il primato nel segmento, perde il 2,1%». Numeri significativi, soprattutto se si pensa ai momenti difficili vissuti dal comparto dell’auto aziendale nella prima parte dell’anno, con le incertezze in materia fiscale che hanno finito per rallentare pesantemente gli ordini. Penalizzando soprattutto, come è facilmente intuibile, l’alto di gamma.
«Oggi, finalmente, la situazione dal punto di vista legislativo si è normalizzata - prosegue Ambrosino - e anzi, tirando le somme, possiamo dire che è proprio l’auto aziendale la vera vincitrice della partita fiscale. Evidentemente, il legislatore ha capito l’importanza strategica di un settore che da anni continua a fare numeri di assoluto rilievo». E che dopo qualche mese di stallo sembra essere tornato a marciare a pieno regime. «La forza vendita di Bmw è di nuovo impegnata in un gran numero di trattative commerciali - conferma Ambrosino -: il mercato, insomma, ha dimostrato un’ottima capacità di reazione, e questo ci rende ottimisti anche in vista del 2008». Un anno, il prossimo, che in casa Bmw si giocherà su un doppio binario: consolidamento della clientela esistente e approccio a nuovi prospect. Il tutto attraverso il rafforzamento dell’attività consulenziale e, soprattutto, il moltiplicarsi delle occasioni di drive experience, le prove nel corso delle quali i clienti possono saggiare, in condizioni e su terreni diversi, i caratteri di sicurezza, affidabilità e comfort propri delle vetture del brand. A cominciare dalla Serie 3 che, ancora una volta, si conferma come l’auto premium più apprezzata dalle imprese: ben 13.531 pezzi venduti a fine ottobre e nono posto assoluto nella classifica generale dei modelli aziendali. Staccatissime, sempre secondo i dati di Unrae, le concorrenti dirette del segmento, cioè Audi A4 e Mercedes Classe C. «Ma tutta la gamma ci sta regalando belle soddisfazioni - conclude Ambrosino -: in particolare, mi piace citare la X3: una vettura che, grazie soprattutto alla sua grande versatilità, sta guadagnando uno spazio crescente nelle car policy di molte aziende».