Bnl, anche l’Antitrust prende tempo su Unipol

Anche l'Antitrust, dopo la Banca d'Italia, mette in stand by l'opa di Giovanni Consorte sulla Banca nazionale del lavoro. L'autorità garante per la concorrenza ed il mercato vuole capire meglio, in sostanza, il ruolo di Mps all'interno della catena di controllo di Unipol e per questo, prima di prendere una decisione ha chiesto copia dei patti parasociali tra Mps (per verificare nel caso come la presenza di una banca possa influenzare un'operazione tesa al controllo di un altro istituto di credito) e Holmo, che rispettivamente con il 39 e il 51 per cento controllano Finsoe, la scatola che a sua volta detiene la maggioranza della compagnia di Via Stalingrado.
Il Garante del mercato ha anche fatto richiesta della documentazione relativa ai verbali delle riunioni degli organi sociali e, dovendo decidere sull'offerta, anche la documentazione già inviata a Consob sull'opa.
Dopo aver ricevuto la documentazione richiesta, l'Antitrust avrà quindici giorni di tempo per avviare o no un'istruttoria sulla concentrazione nel settore assicurativo e in quello dei prodotti finanziari non bancari.