Bnl cede attività argentine

Tra i compratori Hsbc, Caja de Seguros e privati

da Milano

Come Banca Intesa due anni fa, ora anche Bnl lascia il Sudamerica. Hsbc ha acquistato infatti le attività bancarie detenute in Argentina da Bnl per 155 milioni di dollari. Il cda della banca a dicembre aveva autorizzato il direttore generale Mario Girotti a finalizzare la cessione della holding Bnl Inversiones che detiene attività bancarie, previdenziali e assicurative. La Bnl per procedere con la cessione ha dovuto chiedere un parere a Consob dopo che Unipol aveva avanzato una diffida a vendere con l’obiezione di una presunta violazione della cosiddetta passivity rule alla quale la banca di via Veneto è ancora sottoposta in pendenza dell’Opa obbligatoria. L’operazione, soggetta alle approvazioni di rito, dovrebbe essere finalizzata nel primo trimestre del 2006 quando le attività di Bnl Argentina saranno fuse in Hsbc Bank Argentina. Quest’ultima è attiva nel Paese sudamericano dal 1987, dove conta 58 filiali e serve oltre 512mila clienti. Bnl ieri ha anche annunciato di aver definito lunedì scorso la cessione delle attività previdenziali che fanno capo a La Estrella a un consorzio formato per il 50% dalla Caja de Seguros e per il restante 50% da soggetti privati. Da concludere nei prossimi giorni la cessione delle attività di Fidia. Le tre operazioni hanno un valore complessivo di 205 milioni di dollari Usa. Il conto economico consolidato della Bnl beneficerà di una plusvalenza complessiva stimata in 155 milioni di dollari al lordo degli oneri accessori.