Bnl, preso il rapinatore aveva il bottino in tasca

Gli agenti del commissariato Cenisio lo tenevano d’occhio da tempo, sospettandolo di un paio di rapine a Cusano Milanino. E quando gli investigatori hanno saputo della rapina alla Bnl, con relativa descrizione del bandito, hanno capito che era il loro «uomo». Così sono andati a prenderlo e l’hanno trovato ancora con il bottino in tasca. Christian Franco, 32 anni era entrato nella Banca nazionale del lavoro di via Astesani armato di cacciavite. E per dare consistenza alle sue minacce aveva preso in ostaggio un donna incinta di otto mesi. Per evitare guai gli impiegati avevano vuotato le casse, contenenti 8.800 euro e poi aperto le porte alla fuga del bandito. La signora aveva poi accusato un malore, ma dopo essere stata assistita dal personale di un’auto medica del 118, aveva rifiutato il ricovero. Nel frattempo gli agenti si erano recati in via Valdibondo 10, dove ha sorpreso il balordo che messo alle strette ha confessato il colpo alla Bnl.