Boateng ufficialmente del Milan Inter, Klose è l’alternativa a Kuyt

Inter su Miroslav Klose, l’attaccante 32enne del Bayern Monaco e della nazionale tedesca. Rafa Benitez dopo la partenza di Mario Balotelli ha chiesto una punta, vuole un’alternativa vera a Eto’o e Milito per il suo 4-2-3-1, i giovani ci sono e sono lì per maturare, ma uno come Klose manca. Origini polacche, 1,84 metri di altezza, 120 gol in Bundesliga fra Kaiserslautern, Werder e Bayern, 52 in nazionale, capocannoniere al Mondiale 2006, cartellino da 7,5 milioni ma soprattutto contratto in scadenza nel giugno 2011. Branca sta tarando il mercato dopo le ultime novità da Liverpool dove Roy Hodgson non ha convocato Javier Mascherano per la trasferta in terra turca contro il Trabzonspor. Ufficialmente l’argentino resta a casa per un imprecisato infortunio che lo avvicina all’Inter, discorso inverso per Dirk Kuyt regolarmente in lista.
É il momento del tormentone Ibra al Milan. Secondo il quotidiano spagnolo As, Adriano Galliani resterebbe vigile sugli sviluppi del caso con la speranza neppure troppo segreta di arrivare a ingaggiare la stella del Barcellona. Ad alimentare le speranze le ultime dichiarazioni di Roberto Mancini che avrebbe escluso, per il momento, un altro grande colpo per il suo Manchester City dopo l’arrivo di Balotelli. E così l’unico pretendente per Zlatan resterebbe il Milan. Secondo As i rossoneri continuano a pensare allo svedese del Barcellona nonostante Ernesto Bronzetti, consulente per il mercato spagnolo, abbia spiegato quanto l’operazione sia complicata. Ma As spiega di aver appreso da una fonte importante, senza rivelarne il nome, che Ibrahimovic è nei piani di Massimiliano Allegri che ne avrebbe fatto accorata richiesta a Galliani. La trattativa peraltro non troverà ostacoli da parte del tecnico Guardiola e potrebbe consentire alle esauste casse del Barcellona di liberarsi del pesante ingaggio dello svedese, 12 milioni di euro a stagione, una botta. Di Ibrahimovic si occupa anche il catalano Mundo Deportivo, secondo cui l’attaccante si troverebbe a un bivio, o resta al Barcellona altre quattro stagioni o va al Milan. Ma è un tormentone, e quindi ci sfinirà con colpi di scena e dichiarazioni opposte. Eccone quattro. Attilio Lombardo, dal 17 luglio alle dipendenze del City di Mancini con il ruolo di osservatore degli avversari, ha dichiarato che Zlatan sarebbe la classica ciliegina sul sontuoso mercato dello sceicco, dichiarazione con sorrisone. Sempre la stampa spagnola segnala che il Barça starebbe sollecitando il City a una offerta, notizia negata dal vicepresidente blaugrana Bartomeu: «Dal City solo chiacchiere, se vogliono Ibra devono mettere i soldi sul tavolo». Infine l’intrigo: potrebbe risultare decisivo il parere della moglie di Ibra, Helena Seger, che ama l’Italia e che non si è mai adattata a Barcellona.
Di sicuro una cosa: Kevin Prince Boateng è ufficialmente un centrocampista del Milan.