Boccassini «bocciata»: il giudice restituisce i beni che lei sequestra

La bocciatura è di quelle sonore. Il tribunale del Riesame di Milano, infatti, ha annullato il sequestro di immobili decisi dal giudice per le indagini preliminari Andrea Ghinetti su richiesta del procuratore aggiunto Ilda Boccassini a carico di quattro imputati arrestati nel blitz dello scorso luglio contro la ’ndrangheta. E lo ha fatto attaccando duramente l’impianto della decisione del Gip. I colleghi del Riesame, infatti, scrivono di una «motivazione solo apparente per cui il provvedimento risulta affetto da nullità insanabile». In altre parole, secondo i giudici del Riesame, Ghinetti si sarebbe limitato a richiamare la richiesta della Procura. Per questo, è stato disposto che a Vincenzo Rispoli, Antonio Benevento, Luigi Mancuso e Emanuele De Castro vengano restituiti i beni bloccati. Con buona pace della rossa, in tutti i sensi, Boccassini. Questioni prettamente tecniche o uno sgarbo tra toghe?