Boeri smontato dalla mamma: "Stefano? Dice ancora le bugie"

Il candidato ufficiale dei democratici nella biografia di famiglia: «È un vulcano di iniziative ma ha sempre raccontato storie»

Stefano Boeri? Un inguaribile bugiardo. Il candidato del Pd alle primarie del centrosinistra non sembra essere particolarmente attento all’ottavo comandamento, «non dirai falsa testimonianza». A dargli questo non troppo lunsinghiero marchio è la mamma, Cini Boeri che del suo scarrafone individua bene il maggior difetto. E non ha nessun problema a metterlo nero su bianco nel libro che ripercorre la prestigiosa carriera dell’allieva di Marco Zanuso più volte esposta alla Triennale e vincitrice del Compasso d’oro per il divano Strips esposto nella collezione permanente. Il figlio Stefano? «Ha sempre raccontato un po’ di bugie, per difendere la sua autonomia. Così banali che oggi come allora sono subito riconoscibili». Leggere per credere Cecilia Avogadro, Cini Boeri, architetto e designer, Silvana Editoriale, 2004 a pagina 37. Dove la mamma ricorda un aspetto del carattere che il candidato sindaco del Pd si è trascinato anche in età più matura. Dal fango gettato su Expo alla lite con Onida sull’indirizzario, ecco come l’architetto ci ricasca.