Boldi e De Sica finta pace a «Domenica In»

Più che il rancore potè la pubblicità. Dopo essersene dette di tutti i colori sui giornali, gli ex amiconi Christian De Sica e Massimo Boldi si sono ritrovati ieri a Domenica In per l’ennesimo promo di Natale a Miami, il loro ultimo (?) film, fresco campionissimo degli incassi natalizi, che stando al botteghino non avrebbe bisogno di lanci supplementari. Invece, sollecitati dalla produzione, si sono presentati di conserva nel salotto Mara Venier, anche se le facce non erano quelle dei giorni felici. Ha cercato di rompere il ghiaccio De Sica con uno di quei trenini che non si fanno più nemmeno nelle feste parrocchiali, mentre Boldi con una piva lunga da qui a lì, e debitamente defilato, suonava la trombetta. Poi i due hanno dovuto piegarsi al gioco dell’insistente padrona di casa. Così Christian ha simulato la catalessi sotto gli impulsi ipnotici del sempre più patetico mago Giucas Casella e in un plateale vaneggiamento a palpebre abbassate che non avrebbe ingannato nemmeno un cieco ha finto di rappacificarsi con il perplesso socio inquadrato di sguincio dalla telecamera. A una precisa domanda dell’incalzante conduttrice («Con chi vorresti girare il prossimo film?») ha risposto «Boldi!», scatenando il timido applauso di una platea più insonnolita della stessa cavia e i presumibili sghignazzi di chi conosce bene i retroscena di un insanabile divorzio. Risvegliatosi dal letargo su ordinazione l’uno, e dall’evidente disagio per l’inutile rimpatriata l’altro, i due amici-nemici se ne sono finalmente andati, in tempo per non assistere al secondo esperimento dell’incantatore Giucas, che ha fatto addormentare Valeria Marini, per estirparle, con la complicità di Mara, le ultimissime sul flirt con Cecchi Gori. Ma che bel Capodanno su Raiuno.