Bolletta elettrica Sconti in arrivo per centomila famiglie romane

Sconti in arrivo sulla bolletta dell’energia elettrica per le famiglie disagiate: quelle a basso reddito, quelle numerose e quelle con ammalati che utilizzano apparecchiature elettromedicali. Grazie al «bonus elettrico», misura di sostegno da 400 milioni per tutta Italia definita da ministero per lo Sviluppo economico e dall’Autorità per l’energia e il gas, circa 100mila famiglie romane potranno usufruire nel 2009, e anche retroattivamente dal gennaio 2008, di un 20 per cento di sgravio sulla bolletta. Lo ha annunciato ieri il sindaco Gianni Alemanno che al dicastero di via Molise, insieme al ministro Claudio Scajola, ha presentato il provvedimento varato dal governo.
Per accedere agli sconti, che si aggirano tra i 60 e 150 euro annui per famiglia, i nuclei che rientrano nei parametri fissati dal governo potranno presentare gli appositi moduli ai Caaf (centri assistenza fiscale) a partire dal 16 marzo. Per ottenere la retroattività del sostegno le domande dovranno essere presentate entro il 30 aprile. Il bonus, ovviamente, non è indirizzato ai soli cittadini della capitale, ma a i circa 5600 comuni che hanno già attivato le procedure informatiche per gestire le richieste. E il Comune di Roma, come ha sottolineato Scajola, «è stato tra i primi ad aderire alla proposta».
E veniamo ai requisiti: possono fare richiesta del bonus elettrico le famiglie con indicatore Isee non superiore a 7500 euro, quelle con un ammalato grave che necessita di usare macchine elettromedicali e quelle numerose con quattro o più figli a carico e Isee non superiore a 20mila euro. «Un’iniziativa di carattere redistributivo - ha commentato il sindaco - che mette insieme l’aspetto economico e quello sociale. Un segnale di svolta politica e sostegno alle famiglie in un momento di forte crisi economica». Intanto il ministero annuncia la possibilità di prevedere un bonus anche sulla bolletta del gas entro l’estate. I veicoli della campagna di comunicazione saranno Poste Italiane e Ferrovie dello Stato.