Bollette, nuova stangata in arrivo

Le stime di Nomisma Energia per il trimestre aprile-giugno sono tutt'altro che buone per gli italiani: la corrente elettrica potrebbe aumentare di oltre 17 euro l'anno, il gas di quasi 40 euro. I consumatori: &quot;Pronti a scendere in piazza&quot;<br />

Milano - Il caro-petrolio spinge le bollette di luce e gas: dal primo aprile le tariffe rischiano una nuova impennata: rispettivamente +3,9% e +4,1%. È quanto prevede Nomisma Energia per il trimestre aprile-giugno. Per le famiglie è in arrivo una stangata sul fronte delle bollette che, se sarà dall’Authority per l’energia, si tradurrebbe in una maggiore spesa per le famiglie di oltre 57 euro su base annua: il costo della luce salirebbe di 17 euro l’anno, quella per il gas di quasi 40.

E il rincaro si andrebbe ad aggiungere a quelli già scattati - sempre in seguito al caro-petrolio - nei trimestri precedenti che hanno visto, dal 1 ottobre 2007 a fine anno, le tariffe salire dell’1,6% per la luce e del 2,3% per il gas con un impatto sulla spesa annua della famiglia tipo di 30 euro. E che dal primo gennaio scorso sono salite ancora - +3,8% l’elettricità e +3,4% il metano - comportando un ulteriore aggravio di 48 euro sui bilanci degli italiani.