Bollette «pazze» Acea Eppure manca l’acqua

«A causa della perdurata siccità nella provincia di Frosinone, Acea ATO 5, la società che gestisce le risorse idriche in Ciociaria, ha annunciato una razionalizzazione dell’acqua. In particolare a risentirne saranno i frusinati, per i quali l’acqua sarà garantita solo la notte. Una situazione davvero allarmante che sottolinea ancora una volta disservizi del sistema idrico». L’allarme è del responsabile della provincia di Frosinone, Angelo Petriglia. «La siccità è una problematica esistente, ma non è la sola criticità riscontrata - continua Petriglia - ed è inammissibile privare i cittadini di un servizio quale quello dell’acqua». «Tali distorsioni nel servizio idrico - afferma il segretario nazionale del Codici Ivano Giacomelli - evidenziano quanto mai la necessità dell’istituzione di un organismo di controllo che tuteli i diritti del consumatore. Già da diverso tempo denunciamo le anomalie del sistema idrico, tra i problemi continuiamo ad evidenziare quello del caro acqua. Arrivano, infatti, allo sportello, le lamentele di cittadini che denunciano fatturazioni di bollette che vanno da 2mila euro ai 4mila, costi che appaiono sproporzionati al consumo che può effettuare una normale famiglia, che oggi si vede addirittura privata del servizio».